Hacker violano le reti dell’esercito degli Stati Uniti e Microsoft. Siamo tutti vulnerabili

Quattro membri di una banda internazionale di hacking, tra cui un australiano, sono stati accusati di violazione delle reti dell’esercito degli Stati Uniti e di aver rubato il software di video giochi di guerra dalla società di distribuzione statunitense Blockbuster.Due degli uomini accusati del caso, sono indagati per il “furto informatico” di software e dati del valore di almeno 100 milioni di dollari USA, secondo il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti. Gli hacker sono accusati di fare irruzione in programmi utilizzati per l’addestramento dei piloti dell’esercito dell’elicottero Apache, Xbox One console di Microsoft, e al momento videogiochi non ancora rilasciati come Gears of War 3 e Call of Duty: Modern Warfare 3. “I membri di questa catena della pirateria internazionale hanno rubato i dati segreti utilizzati nei prodotti americani hi-tech, che vanno dal software che addestra i soldati americani a volare sugli elicotteri Apache per giochi Xbox che intrattengono milioni in tutto il mondo,” secondo quanto affermato dall’assistente del procuratore generale americano.I pubblici ministeri hanno accusato i quattro di cospirazione per commettere frode informatica, furto di segreti commerciali e altri reati. Gli uomini indicati nell’atto di accusa sono tutti giovanissimi e si chiamano Nathan Leroux, 20, di Bowie, Maryland; Sanadodeh Nesheiwat, 28, di Washington, New Jersey; David Pokora, 22, di Mississauga, Canada; e Austin Alcala, 18, di McCordsville, Indiana. Inoltre, un cittadino australiano è stato accusato in base al diritto australiano per il suo presunto ruolo nella cospirazione, hanno detto i funzionari, senza identificare il sospetto. I funzionari hanno detto che Pokora e Nesheiwat si sono dichiarati colpevoli di alcune delle accuse in un tribunale federale del Delaware e l’udienza è fissata il prossimo 13 gennaio. Pokora è stato arrestato il 28 marzo, presso il confine Usa-Canada a Lewiston, New York. I funzionari hanno detto che Pokora si crede di essere la prima persona al di fuori degli Stati Uniti accusato di hacking nelle aziende statunitensi per rubare segreti commerciali. Secondo l’accusa, il gruppo ha “bucato” le reti per rubare il codice sorgente, le specifiche tecniche e le informazioni correlate per la console di gioco Microsoft Xbox One e altri dati proprietari relativi alla piattaforma di gioco online Xbox Live. Altri segreti industriali rubati riguardavano il software per il simulatore dell’elicottero Apache sviluppato da Zombie Studios per l’esercito degli Stati Uniti e una versione non definitiva di videogiochi di Epic Gears of War 3. I funzionari hanno detto che avevano sequestrato più di 620,000 dollari in contanti e altri proventi sospetti. Questo caso è oggetto di indagine da parte dell’FBI, con l’assistenza del Dipartimento della Homeland Security, il servizio postale di ispezione degli Stati Uniti e in coordinamento con il Western Australia di polizia e la polizia regionale di Peel of Ontario, Canada. Un’inchiesta che ha un epilogo importante, ma che evidenzia come tutti, compreso le aziende informatiche più importanti e che fanno della sicurezza il loro fiore all’occhiello, siamo sotto attacco (informatico). A sottolinearlo è Giovanni D’Agata, fondatore dello “Sportello dei Diritti”, che ritiene fondamentale l’implementazioni di migliori sistemi di sicurezza informatica e maggiore collaborazione tra le forze di polizia postale di tutto il mondo, stante l’indubbia transnazionalità del fenomeno dell’hacking.

Print Friendly, PDF & Email