Il coraggio dei lavoratori farà ripartire la produzione della Birra a Messina

 

Una nota pervenutaci da 4 giovani messinesi che riguarda i lavoratori dell’ex Birra Messina che con una forte volontá e con molto coraggio si sono riuniti in cooperativa per fare ripartire la produzione.

Calogero Leanza, Andrea Celi, Giuseppe Cucinotta ed Ivan Cutè, scrivono:

“Dopo mesi passati davanti ai cancelli dello stabilimento dell’ ex Birra Messina, diventati per loro una seconda casa, a raccogliere firme incuranti di pioggia e sole, hanno potuto finalmente festeggiare per una grandissima vittoria. Una vittoria che ha il sapore del riscatto.
Stiamo parlando degli ex lavoratori della Birra Messina prima della trasformazione in Triscele. Sono sedici i coraggiosi lavoratori che hanno scelto di investire il proprio TFR in una nuova avventura, che gli permette di continuare la loro attività con la passione e la competenza che sempre hanno dimostrato nel loro lavoro.
Dopo aver battuto i pugni anche a Palermo la Regione Siciliana ha assegnato al gruppo denominato Cooperativa Birrificio Messina due capannoni nella zona ex Asi di Larderia.
È lì infatti che si produrrà la birra made in Messina.
Tale vittoria rappresenta sicuramente una rivincita da parte di persone che con la loro passione hanno rischiato e continuano a farlo in proprio per salvare non solo i loro posti di lavoro ma gettando le basi per crearne di nuovi.
Infatti la Cooperativa Birrificio Messina è un orgoglio di cui la città dovrebbe prenderne esempio, laddove con la perseveranza molto spesso si possono raggiungere importanti conquiste.
Sicuramente la voglia di gustare il più presto questa birra è spasmodica. Anche se ancora sono tanti gli interventi da compiere per poter cominciare la produzione.
Molto spesso serve il coraggio e lo spirito di intrapresa, perché quando tutto sembra perso c’ è sempre una nuova possibilità di rilancio. Ciò sia di monito per tutti coloro che pur in un contesto economico difficile non perdano la speranza e reagiscano alle difficoltà che la vita presenta.”

Auguriamo ai lavoratori la piena riuscita dell’iniziativa.

Print Friendly, PDF & Email