ISIS. Figuccia (FI): “Sicilia a rischio terrorismo. Da regione e governo colpevole e imbarazzante silenzio”

“Il terrore è dietro l’angolo ma la Regione Siciliana e Palazzo Chigi continuano a sottovalutare, minimizzare, nascondendosi dietro ad un pericoloso ed imbarazzante silenzio. L’avanzata dell’Isis in Libia, il caos nel quale il paese nordafricano è caduto sempre più negli ultimi mesi, preludono ad una situazione di totale ingovernabilità dell’area, dalla quale i terroristi dello ‘Stato islamico’ non potranno che trarre nuova drammatica energia. Le ripetute minacce all’Italia, alla Sicilia da parte del Califfato, sembrano però cadere nel nulla, a fronte dei potenziali enormi rischi corsi dalle nostre popolazioni. Dobbiamo forse aspettare che la crudeltà e la determinazione dei terroristi dell’Isis si manifestino a casa nostra, prima di decidere di accrescere le misure di sicurezza”, lo chiede l’on. Vincenzo Figuccia, vicecapogruppo di Forza Italia all’Ars e coordinatore azzurro per la provincia di Palermo.
“Nelle prossime ore presenterò un’interrogazione parlamentare all’Ars, con la quale chiederò al governo regionale quali iniziative siano state assunte per tutelare la nostra terra, la nostra gente, anche attraverso un potenziamento della presenza delle forze dell’ordine negli obiettivi sensibili – prosegue l’esponente azzurro –. A rendere la situazione ancor più gravosa, il rischio reale di infiltrazioni terroristiche nel flusso dei migranti che raggiunge quotidianamente le nostre coste. Auspico che il governo Crocetta faccia la voce forte su Roma, chiedendo al presidente del Consiglio, al ministro dell’Interno, di affrontare per tempo un’emergenza non più rinviabile”.

Print Friendly, PDF & Email