Le campagne affondano e il Governo “tace”

gianni di gennaro

Vittoria (RG) Sicilia – 22/10/2014 – <Scienziati ed economisti si muovono congiuntamente per rassicurare i mercati, la Bce, il Patto di stabilità e il Fiscal-Compact, ma nulla si muove a favore dell’agricoltura>.

Gli “strali” di Ciccio Aiello, più volte sindaco della città di Vittoria, ex deputato regionale e oggi a capo di Azione Democratica, un movimento molto vicino all’agricoltura e ai comparti ad essa vicina, arrivano in un momento in cui, in una maxi manovra di 36 miliardi, per il mondo agricolo “nulla”, se non qualche centinaio di migliaia di euro, con riferimento ad eventuali calmità naturali.

<Non solo il Governo, ma tutte le forze politiche, credono di poter cancellare la questione agricola italiana, e del Sud in particolare> continua Aiello, in una nota inviata agli organi di stampa e distribuita in maniera certosina tra i cittadini.

<A loro vanno bene i Green Corridors, l’ingresso illegale di merce che viene rilavorata e taroccata in Italia e nei nostri mercati, la cancellazione delle quote latte nella zootecnia, la spoliazione del valore dei prodotti sottoposti agli umori speculativi di bande che nella filiera agroalimentare, sono i padroni del campo, nell’assoluta indifferenza dei poteri pubblici e persino dello Stato>.

Parole dure quelle dell’ex sindaco, che certamente non mancheranno di suscitare reazioni e polemiche.

<Ma Renzi, ha qualche consigliere che si occupa di politica agraria, che capisce in che condizioni sono le aziende agricole in generale e del Sud in particolare?>

< Ci credo poco, il Governo non fa nulla, le organizzazioni agricole, tranne qualche sparuta voce isolata, tacciono, mentre tutti si sono convertiti al parlare sofisticato della finanza mentre la gente si toglie la vita. Ma io non mollo e vado avanti per la mia strada, denuncio e grido all’Italia e all’Europa, il malessere che attanaglia il settore >.

Print Friendly, PDF & Email