Lettera aperta dell’artista Di Modica e del pedagogista Raffa a Musumeci e Lagalla per chiedere un incontro di fine anno in sicurezza tra piccoli studenti.

Vittoria. 27 maggio 2020
Parte da Vittoria (RG) la richiesta avanzata dalla vice Ministra Ascani e che tanto sta facendo discutere la politica e la scienza in questi giorni. A sottoscriverla, sono: Artuto Di Modica, meglio noto nel mondo, come l’artista del toro, e Giuseppe Raffa, pedagogista che si occupa di bullismo.

Gentilissimi Presidente e Assessore,
come tutti sanno l’ultimo giorno di scuola, nell’immaginario collettivo, è stato sempre quello dei saluti, degli abbracci, delle promesse, della foto di classe. Un rito collettivo che l’epoca post Covid rischia seriamente di cancellare dai ricordi di circa mezzo milioni di bambini in tutta Italia . Bisogna impedirlo. La Sicilia, ancora una volta, ha l’occasione per stare un passo avanti agli altri. Occorre pensare di far tornare a scuola per un giorno , l’ultimo, i bambini di ogni fine ciclo scolastico. Sono i più piccoli, quelli che hanno maggiormente sofferto il distacco dai compagni, dagli insegnanti, dal contatto umano più in generale. Anche loro, come tutti, si sono tuffati nel virtuale. Hanno seguito le video lezioni. Sono rimasti in contatto via chat coi compagni. Non si sono fatti scappare l’occasione di sfruttare il tanto tempo libero a disposizione giocando con gli amati videogame. Ma non è bastato a compensare gli sguardi, gli abbracci coi compagni, gli scherzi , le attenzioni e i richiami della maestra. Ben presto si sono accorti che il loro debutto nel digitale è stato troppo precoce. A differenza dei nativi digitali loro, che di anni ne hanno sei, otto, dieci al massimo, questa nuova situazione l’hanno vissuta male, peggio dei coetanei più grandi . Tanto peggio da manifestare atteggiamenti e comportamenti da stress post traumatico. Alcuni sono tornati a fare la pipì a letto. Qualcuno ha smesso di parlare. Non sono stati pochi i piccoli che hanno palesato problemi di regressione nello sviluppo cognitivo. Insomma, non sbagliano quegli addetti ai lavori che parlano di “danni sociali” pressocchè irreversibili per migliaia di bambini piccoli . Cosa è successo? A questa età crescita e maturazione sono fatte soprattutto di relazioni e di contatti fisici, oculari, di posture, di atteggiamenti pro-sociali. Tutto quello che nel virtuale è da sempre bandito. Bisogna fare qualcosa. Serve dar loro quello che in Danimarca chiamano “hygge”, cioè conforto, restituirgli un’atmosfera serena a casa e fuori casa, farli stare insieme agli altri con serenità senza discutere e litigare. Impresa certamente difficile di questi tempi ma non impossibile. Intanto, occorre disporre la riapertura dei centri estivi, servono. Luoghi di aggregazione sicuri dove i più piccoli possano presto tornare ad incontrarsi e a socializzare. Ma nell’immediato occorre fare qualcos’altro. Ovvero consentire ai bambini di fine ciclo di materna ed elementare, di rivedersi l’ultimo giorno di scuola. Un’idea che è già venuta alla vice ministra Ascani. Alcuni sindaci del Nord stanno pensando di consentire ai bimbi di terza sezione dell’infanzia e quelli di quinta elementare di rivedersi per l’ultimo giorno di scuola. In piccoli gruppi, magari al parco, di certo con tutte le precauzioni sanitarie e sociali vigenti. Gentili Presidente Musumeci e Assessore Lagalla, vorrei Loro ricordare che i gruppi, anzi il gruppo spontaneo dei pari età svolge importantissime funzioni affettive e relazionali di contenimento e di sostegno ai vari membri. Più avanti, quando saranno adolescenti, il gruppo sarà una nuova famiglia, svolgerà cioè le funzioni di famiglia sostitutiva. Il gruppo è il primo step per il bambino in vista del suo inserimento in società. Con gli altri, il bambino si relaziona, cresce. La forza del gruppo permette ai piccoli di vincere la paura, stare coi coetanei favorisce un maggior senso di solidarietà, di integrazione, di vita in comune. I bambini inseriti nel gruppo imparano a rispettare gli altri e le regole della vita. Nel gruppo e col gruppo il bambino acquisisce la cultura della fiducia nell’altro, nella stessa società, per se stesso. Il Covid-19 ha portato via persone, posti di lavoro, ha cambiato abitudini e comportamenti. Ai più piccoli ha tolto la scuola, i compagni, persino le foto di gruppo, le gite d’istruzione e quelle per diletto. Tanto, troppo anche per piccoli uomini ancora solo sfiorati dai dolori della vita. Consentiamo loro almeno di rivedere compagni e maestri per un giorno, l’ultimo . In modo che tra venti anni, quando tra ex compagni di scuola torneranno a vedersi per la pizza di classe , non assoceranno a questi giorni solo la clausura, il distanziamento e tele lezioni, ma troveranno modo e tempi per ricordare anche e soprattutto gli sguardi, i sorrisi, la gioia dell’ultimo giorno di scuola. Per questi motivi io e il maestro Arturo Di Modica, autore del celeberrimo “Toro di wall street”, siciliano doc, orgoglio dell’Italia tutta, chiediamo il ripristino dell’ultimo giorno di scuola. Al parco, nei locali scolastici, dappertutto. In sicurezza e senza rischi.
Maestro – Arturo Di Modica
Pedagogista – Giuseppe Raffa

Print Friendly, PDF & Email