Il maestro Nicolosi dona una sua opera alla Polizia di Stato di Ragusa

Il maestro Alfio Nicolosi dona una statua alla Polizia di Stato di Ragusa. Apprezzato e recensito scultore, Nicolosi, originario di Zafferana Etnea ma residente a Pedalino, frazione di Comiso, ha donato la sua opera intitolata“Nefertiti Regina del Nilo”. 

La scultura è stata realizzata partendo da un tronco d’albero, le cui chiarissime venature assecondano la grande bocca il naso e gli occhi, fisiognomica ricorrente nelle sue opere, così come il richiamo all’antichità, questa volta egiziana, che è un’altra sua peculiarità.

Il maestro Nicolosi conosciuto sul territorio per la sua capacità artistica e per essere riuscito con le sue sculture a valorizzare ogni aspetto d’origine, ogni imperfezione, ogni venatura della materia trattata trasformandola così’ in volti umani, raccoglie nelle sue passeggiate in campagna grosse pietre, rami, tronchi da lui “scrutati”, che hanno già in nuce l’opera che lui intuisce e modella.

Stamattina, presso la Questura di Ragusa  la cerimonia di consegna, alla presenza del Prefetto Maria Librizzi, dei massimi vertici della Questura, dirigenti e funzionari dei commissariati distaccati e delle articolazioni e degli uffici di specialità della Polizia di Stato operanti sul territorio provinciale, dei Comandanti dei comandi provinciali dei Carabinieri e della Guardia di Finanza e del Vescovo mons. Carmelo Cuttitta.

Print Friendly, PDF & Email