Mafia, la testimone di giustizia Valeria Grasso: “I mafiosi devono essere buttati fuori a vita dai territori, loro non cambiano e non si pentono”. Riceviamo e pubblichiamo

PALERMO – “L’omicidio del boss Giuseppe Dainotti non è casuale che avvenga il giorno prima del venticinquesimo anniversario della strage di Capaci”. Così commenta la testimone di giustizia Valeria Grasso.

“I mafiosi devono essere buttati fuori a vita dalle terre dove hanno commesso crimini efferati. Dal carcere – continua la testimone di giustizia – escono più forti, noi vittime invece dobbiamo avere sempre paura. Loro non si ravvedono, non cambiano. Sono passati 25 anni ma purtroppo non è cambiato niente. Quello di oggi è un segnale fortissimo, lo Stato deve combattere la mafia con delle azioni forti che proteggano gli imprenditori sani e con estrema durezza e senza pietà fermare per sempre i mafiosi perché loro – sottolinea – non si ravvedono, non cambiano”.

“È da irresponsabili lasciare liberi dei boss nel territorio dove hanno distrutto la vita a tanta gente. È inutile che si parla di legalità in queste condizioni”. Poi l’imprenditrice sotto scorta ricorda le parole di Giovanni Falcone: “La paura è normale averla, altrimenti sarebbe incoscienza. Mi auguro – continua Valeria Grasso – che dopo quello che è successo non vengano lasciati a piede libero nella città dove hanno distrutto la vita delle persone”.

“Sono stanca di assistere al ping pong della giustizia che da una parte ci dice di combattere l’illegalità e dall’altra siamo costretti a vedere che dopo pochi anni di pena chi abbiamo denunciato ritorna a vivere dove ha distrutto la vita della gente, non è normale. A pochi metri dalla mia azienda – conclude la Grasso – ha aperto un bar i cui gestori sono le stesse persone che ho fatto arrestare. Giovanni Falcone e Paolo Borsellino vanno ricordati con azioni e non con immagini strazianti”.

Print Friendly, PDF & Email