Mafie. Pisapia: “Ricordare le vittime per tenere viva l’attenzione”

Il Sindacodi Milano: “Il primo nemico da combattere è l’indifferenza”

Milano, 21 marzo 2016 – “La Giornata della Memoria e dell’Impegno in ricordo delle vittime delle mafie è un momento importante per dare un segnale sempre più forte contro la criminalità organizzata, l’illegalità, la corruzione. Il ricordo delle tante, troppe vittime serve a tener viva l’attenzione, a creare e rendere ancora più evidente l’unità tra cittadini, Istituzioni e forze sociali, che è la condizione necessaria per isolare e sconfiggere le mafie. Il primo nemico da combattere è l’indifferenza, che troppo spesso rischia di diventare omertà”.

Lo ha affermato il Sindaco di Milano Giuliano Pisapia intervenendo alla cerimonia della XXI Giornata della Memoria e dell’Impegno durante la quale, in contemporanea con tante piazze in tutta Italia e con quella principale di questa edizione, Messina, vengono letti i nomi di 900 vittime delle mafie.

“La criminalità organizzata può essere sconfitta dal lavoro della magistratura e delle Forze dell’Ordine con l’appoggio, il sostegno e la partecipazione di tutti noi. La straordinaria mobilitazione di oggi con la presenza spontanea e convinta di migliaia di milanesi, in particolare ragazzi, è stata un momento importante per ribadire chiaramente il concetto che qui, a Milano, la mafia non può e non deve vincere mai”, ha proseguito il Sindaco.

“Insieme, grazie anche all’esempio dei cittadini onesti e coraggiosi che abbiamo ricordato oggi, continuiamo a dimostrare concretamente che abbiamo la volontà, i mezzi, la cultura per vincere questa battaglia di civiltà, libertà e giustizia”, ha concluso il Sindaco Pisapia.

Print Friendly, PDF & Email