Marina di Ragusa in preda ai vandali

 Ecco come si è svegliata Marina di Ragusa all’indomani della “febbre del sabato sera”.

Le foto, pubblicate sui social, sono il segno dell’inciviltà manifesta di buona parte dei giovani di oggi che non hanno ancora compreso cosa vuol dire la parola rispetto, rispetto per sé stessi, per gli altri e per i luoghi in cui vivono.

Rabbia tra gli abitanti della frazione. E non è ancora entrata nel vivo la stagione estiva!!
Da più parti i commenti invocano maggiori controlli e la collaborazione dei gestori dei locali nel sensibilizzare i propri clienti.

“Marina di Ragusa, non ha nulla da invidiare ad altre località turistiche gettonate in giro per il globo e, vederla maltrattata così, dai soliti del sabato sera, è uno schifo” – commenta qualcuno.

Dato di fatto è l’inciviltà di chi, sabato sera, ha bivaccato dinnanzi ai locali e gettato di tutto e di più sulla pubblica via.

E spiace constatare che per questi ragazzi, danneggiare, sporcare, imbrattare sono sinonimo di divertimento.

Rispettare il proprio territorio vuol dire rispettare in primis se stessi. La sensazione, a vedere queste immagini, è che in molti di loro non sia insito quel senso di appartenenza e legame alla propria terra.

“Una terra che dovrebbe essere valorizzata e non violentata” – precisano in tanti sui social.

Ed è dai social che parte, ancora una volta, l’appello accorato alle autorità competenti affinché prendano atto della problematica e intervengano, una volta per tutte, per porre fine agli atti vandalici che da troppo tempo si verificano nella frazione balneare.

Foto Giorgio M. Aulino

13227240_10154354869136062_1763479839438295707_o

marina di ragusa

Print Friendly, PDF & Email