Milano, innovazione. Le esigenze dei cittadini al centro dei nuovi portali del Comune

Servizi personalizzati, ricerca più facile per risposte immediate e filo diretto con l’Amministrazione

Milano, 21 aprile 2015 – Servizi personalizzati, ricerca facilitata per risposte immediate e un filo più diretto con l’Amministrazione. Queste le caratteristiche principali della versione definitiva dei nuovi portali del Comune di Milano: Istituzionale, Turismo e il nuovissimo Infomobilità. A presentare questa mattina a stampa e operatori, in Sala dell’Orologio a Palazzo Marino, i contenti e le innovazioni tecniche apportate l’assessore alle Politiche del Lavoro, Università e Ricerca, Smart City Cristina Tajani (IN FOTO) con il Direttore Generale del Comune Tomarchio.

Un intervento d’innovazione previsto dal piano generale di sviluppo del 2011 che punta a incrementare, attraverso le tecnologie informatiche, l’offerta dei servizi per i cittadini e a rafforzare le politiche di marketing e di sviluppo territoriale.

“Con i nuovi portali – ha dichiarato l’assessore alle Politiche del Lavoro, Università e Ricerca, Smart City Cristina Tajani – abbiamo ribaltato il rapporto tra Amministrazione e cittadino, mettendo quest’ultimo al centro di un sistema flessibile che si adatta alle  esigenze dell’utente e non pretende il contrario. Si tratta di un unico sistema che si esprime in tre portali e che rappresenta la parte immediatamente visibile del nuovo volto di  Milano Smart City, in cui le nuove tecnologie sono un mezzo e non un fine per migliorare e semplificare la vita dei cittadini nonché facilitare il rapporto con la pubblica amministrazione anche per il sistema produttivo.”

I nuovi portali del Comune di Milano sono un benchmark nazionale e internazionale di smart government. Non si tratta solo di una revisione grafica e stilistica ma di un progetto che innova dalle fondamenta l’infrastruttura mettendo il cittadino al centro di tutta la gamma dei servizi disponibili, creando così un vero e proprio ecosistema tra tre portali che si basano su una medesima architettura informatica  La premessa è stata un’analisi approfondita di progetti internazionali come Parigi, Londra e Berlino con una particolare attenzione dedicata all’usabilità e all’esperienza dell’utente finale.

La precedente versione del portale, rilasciato il 1 luglio 2007, negli ultimi tre anni, dal 2012 al 2014, ha fatto segnare una media di oltre 14 milioni di accessi oltre 40 mila contatti giornalieri. Nel triennio le pagine più visitate sono state “Come fare per” dove si trovano tutte le info necessarie per richiedere atti amministrativi, indicazioni su come sposarsi o pagare i tributi comunali con oltre 12.200.000  accessi e una media annua di 4 milioni. Al secondo posto con 5.300.000 visite e una media annuale di 1.800.000 si trovano i “servizi online” ovvero gli strumenti per ottenere certificati anagrafici, pagare le multe o i ticket di Area C sino all’iscrizione dei bambini ai centri estivi. Rilevante anche il dato fatto segnare dalle news di Palazzo Marino consultate da oltre 7.249.000 contatti con una media di 2.400.000 visitatori annui.

“Il progetto dei nuovi portali – ha spiegato il direttore generale del Comune di Milano Giuseppe Tomarchio – rappresenta un tassello fondamentale della nostra ‘Agenda digitale”. Due semplici esempi sono utili per far comprendere il nostro sforzo per l’innovazione tecnologica, la trasparenza e nel rapporto con i cittadini: per la rete wifi pubblica outdoor siamo oramai vicini al numero di 400 hotspot, un numero che non ha eguali in Italia. Oppure, il potenziamento del contact center, il numero telefonico 020202, dove abbiamo scelto di acquistare hardware e software nonchè di coinvolgere, nella misura del 30% del servizio, personale interno del Comune, garantendo risposte più puntuali per domande  complesse insieme ad un risparmio superiore ai 2 milioni di euro per anno, valore certamente importante  per il bilancio dell’Amministrazione”.

Le realizzazione dei nuovi portali è stata affidata RTI Engineering Ingegneria Informatica e Hagakure.

“Con Expo 2015 – ha aggiunto Dario Buttitta, Direttore generale Pubblica Amministrazione e Sanità di Engineering Ingegneria Informatica spa – Milano sarà vetrina mondiale e per noi è un vero privilegio essere partner del Comune di Milano per un’operazione di forte impatto tecnologico ma soprattutto sociale. Questo progetto conferma il nostro impegno e il contributo che offriamo da 35 anni alla modernizzazione del Paese, all’efficienza della Pubblica Amministrazione e al miglioramento della vita della comunità e dei suoi cittadini”.

Fra le maggiori novità presentate oggi ci sono i servizi personalizzabili dai cittadini attraverso la sezione myMilano che consente agli utenti registrati di creare la propria home page selezionando da un catalogo i servizi di maggior interesse. Nella stessa pagina ognuno riceverà così le notifiche che più lo riguardano come scadenze imminenti, appuntamenti agli sportelli e i contatti per creare un proprio filo diretto con l’Amministrazione.

Cambia anche il sistema di assistenza e relazione con il cittadino (CRM).  Sarà infatti possibile, per gli utenti registrati, gestire attraverso un’unica identità  tutti i canali di contatto con l’Amministrazione (mail, sportelli, form web, call center 02.02.02) avendo la possibilità di mantenere un quadro storico e cronologico del rapporto del cittadino con gli uffici comunali. La sicurezza dell’identità digitale dell‘utente è assicurata da un processo controllato di gestione che si avvale di una nuova integrazione con l’anagrafe cittadina e tributaria del Comune.

L’innovazione ha riguardato anche i sistemi hardware utilizzati che riducono il consumo elettrico e rendono il portale più affidabile e stabile. Per quanto concerne i software utilizzati, sono stati tutti sottoposti ad aggiornamento consolidando anche gli strumenti redazionali dei tre portali Tutti i nuovi servizi sono stati sviluppati con codici sorgente resi pubblici, aperti a modifiche, personalizzazioni e miglioramenti come: Fedora Commons, PostgreSQL, PostGis, GeoServer e OpenLayer.

Per quanta riguarda l’esperienza di navigazione va segnalato innanzitutto il nuovo motore di ricerca. Si basa sulla Google Search Appliance, un sistema più avanzato di ricerca e indicizzazione, che non solo permette di trovare i contenuti in modo semplice e veloce ma calcola i termini più usati dall’utente  e fra i risultati comprende quelli che più si avvicinano al suo interesse. La maggior parte dei contenuti e dei servizi si può visualizzare sull’interfaccia calendario e può essere sincronizzata con l’agenda elettronica personale, oltre che inserita fra i preferiti della pagina personalizzata. Inoltre è georeferenziata e taggata: tutte le notizie, i punti di interesse turistico-culturale e i principali uffici pubblici si possono quindi visualizzare su un’unica mappa digitale.

La stessa mappa è al centro del portale infomobilità (www.muoversi.milano.it) che permette di calcolare i percorsi in auto, bicicletta, piedi e mezzi pubblici e fornisce informazioni in tempo reale sullo stato della mobilità cittadina. In questo portale confluiscono infatti i dati provenienti da tutti gli enti gestori della mobilità cittadina. Il tutto in ambiente di interoperabilità E015 che evita le duplicazioni informative garantendo un’unica forma di aggiornamento. Su questo servizio, realizzato con software open source, si basa anche l’account twitter @infomobilitami della Polizia Locale.

Spazio anche al rinnovato portale del turismo (www.turismo.milano.it). Tramite una mappa interattiva si consentirà a cittadini milanesi nonché ai visitatori stranieri i tesori d’arte e gli angoli più suggestivi di Milano. Suggerimenti e indicazioni sull’ampio patrimonio culturale nonché 70 itinerari per guidare il visitatore alla scoperta della città e del suo del vasto palinsesto di eventi consultabile attraverso la funzione calendario. A tutto ciò si aggiungono informazioni sui principali servizi turistici, guide e mappe scaricabili disponibili in diverse lingue oltre alle due  App EventiMilano e  MilanoItinerari che guideranno i turisti per le vie della città. I contenuti  sono disponibili in italiano e inglese mentre  una selezione mirata di pagine è consultabile anche in lingua russa, tedesca e spagnola (a cui a breve si aggiungeranno cinese, francese e portoghese).

Ai contenuti proposti dai nuovi portali del Comune si può accedere da qualunque dispositivo. I portali si adattano infatti automaticamente a qualunque strumento di navigazione: computer, smartphone, tablet e smart TV. Previsti anche il feed RSS e appositi  tasti per la condivisione su social network e via mail.

Print Friendly, PDF & Email