Milano, Workers’ Memorial Day. Tajani lancia campagna ‘Adotta una tuta’: “Chiediamo ad Expo la prima adesione”

Assessore inaugura il ‘Centro per la cultura della prevenzione nei luoghi di lavoro e di vita’ in viale Gabriele D’Annunzio 15

Milano, 28 aprile 2015 – In occasione del ‘Workers’ Memorial Day’, l’assessore alle Politiche del Lavoro, Sviluppo economico, Università e Ricerca, Cristina Tajani ha inaugurato, in viale Gabriele D’Annunzio 15, il primo ‘Centro per la cultura della prevenzione nei luoghi di lavoro e di vita’ e ha lanciato la campagna ‘Adotta una tuta. Adotta la sicurezza’, rivolta alle aziende.

“Vogliamo che l’adozione di una tuta – ha spiegato l’assessore Tajani – non sia solo un gesto simbolico ma un atto concreto, portando le aziende ad adottare buone pratiche per la sicurezza e la salute dei lavoratori. Per questo chiediamo ad Expo 2015 di essere i primi ad aderire all’iniziativa, dimostrando attenzione e sensibilità a questo tema. E li invitiamo, tra 6 mesi, al Centro di viale D’Annunzio, per raccontare la grande esperienza di questi mesi, sia nella fase della preparazione che della gestione dell’evento”.
Le tute da lavoro ‘adottate’ provengono dall’installazione “100 sogni morti sul lavoro”, opera del fotografo e designer friulano Gianfranco Angelico Benvenuto.

È stato inaugurato oggi il ‘Centro per la cultura della prevenzione nei luoghi di lavoro e di vita’. Il Centro, cui aderiscono insieme al Comune di Milano INAIL, ASL, la Direzione Territoriale del Lavoro, Vigili del Fuoco, sindacati confederali e categorie datoriali, sarà un punto di accesso e di riferimento per i cittadini, i lavoratori, le imprese e le scuole per approfondire i temi della sicurezza e della prevenzione, promuovere incontri, mostre, laboratori, spettacoli, realizzare attività ed eventi.

“Nella Giornata mondiale per la salute e la sicurezza sul lavoro – ha proseguito l’assessore Tajani – Milano si conferma territorio che promuove la qualità e lo sviluppo del lavoro e delle professioni, il contrasto alle sue forme irregolari, la tutela della salute e della sicurezza. Il Centro sarà un osservatorio privilegiato lungo tutto il semestre Expo e anche oltre, il luogo in cui aprire un dibattito pubblico costante a sostegno delle persone, dei lavoratori e delle imprese”.

L’apertura del Centro segue la lunga tradizione di Milano in materia di salute sui luoghi di lavoro: risale, infatti, al 1902 la fondazione della Clinica del Lavoro di via San Barnaba, ad opera di Luigi Devoto che per primo intuì la necessità di approfondire lo studio delle malattie prodotte negli ambienti di lavoro e la necessità della prevenzione.
Negli anni, Milano ha confermato la sua identità di ‘città del lavoro’ e il suo ruolo attivo e centrale nel dare risposte concrete ai temi più attuali: la creazione del primo elenco qualificato degli spazi di coworking, l’istituzione della Giornata del lavoro Agile, la realizzazione di progetti dedicati alle nuove professioni, come ‘makers’ e ‘fablab’, sono solo alcuni esempi.

“In 5 anni, dal 2009 al 2013, – ha concluso l’assessore Tajani – gli infortuni sul lavoro a Milano sono diminuiti di più del 29%. Il dato, fornito da Inail, supera il trend regionale lombardo che, nello stesso periodo, ha segnato una diminuzione del 16%. Positivi anche i dati Inail del primo trimestre di quest’anno che a Milano segnano un -4,8% di infortuni rispetto all’anno scorso (-5,5% in Lombardia). Sono risultati importanti ma non ancora sufficienti. Ed è per questo che il Comune di Milano ha voluto aprire il Centro di viale D’Annunzio, confermando attenzione al tema delle condizioni dei lavoratori e offrendo un nuovo contributo per un loro concreto miglioramento”.

La giornata del ‘Workers’ Memorial Day’ si concluderà alle ore 21 con lo spettacolo teatrale al Teatro Elfo Puccini a cura della Fondazione LHS, dal titolo ‘Giorni rubati’.

Print Friendly, PDF & Email