Modena: un gemellaggio tra scuole emiliane e veronesi, all’ombra del sisma.

Salvatore Cultraro

Modena, 14 novembre 2014- Gli aspetti “positivi” del terremoto, ovvero l’avvio di un fraterno gemellaggio tra scuole ed alunni di Concordia sulla Secchia, cittadina modenese duramente colpita dal sisma del 20 e 29 maggio, ed i loro colleghi di Verona. “Il terremoto del maggio 2012- scrivono in una nota i genitori, gli insegnati e gli alunni della 5^B del comprensivo Sergio Neri di Concordia- ha portato una, scossa di amicizia, partita da Verona e arrivata fino a Concordia. Tutto è iniziato dopo gli eventi sismici, e ha portato ad un gemellaggio tra la classe 5 ^B della scuola primaria, Gasparini, di Concordia e la classe 5^B della scuola primaria “Bartolomeo Giuliari” di Verona”. “Dopo una bella corrispondenza, a due anni esatti dal terremoto- continua la nota- i nostri ragazzi di Concordia sono stati ospitati dalle famiglie dei bambini veronesi, usufruendo, anche, di un ingresso gratuito al parco divertimenti Gardaland. Una occasione che ha permesso loro di poter visitare le bellezze della,Verona romana. Due giorni all’insegna dell’amicizia e della solidarietà”. La visita a Verona degli studenti emiliani, che al loro arrivo sono stati subito accolti calorosamente, a Palazzo Barbieri, dall’assessore al Decentramento del comune di Verona, Antonio Lella, rientrava nell’ambito di un progetto promosso dalla quinta circoscrizione, in collaborazione con le scuola primaria San Giuseppe e la scuola Giuliari. Il momento più significativo e divertente della visita è stato senza ombra di dubbio il pranzo organizzato dai vigili del fuoco di Verona, i primi ad essere arrivati nel maggio del 2012 nelle cittadine emiliane colpite dal sisma, i quali hanno organizzato una “risottata” nella palestra della caserma di via Polveriera Vecchia. Pertanto, al fine di ricambiare questo grande gesto di solidarietà e generosità, gli alunni, i genitori e gli insegnanti veronesi sono stati invitati, a loro volta a Concordia lo scorso 9 novembre. Anche in questo caso si è trattato di una visita indimenticabile e di una accoglienza festosa. La delegazione veronese, infatti, ha potuto ammirare le nuove scuole di Concordia, realizzate con strutture prefabbricate e la nuova cittadina che sta rinascendo in un’area periferica. Quindi un lauto pranzo, tutti insieme, per dimostrare, come si legge ancora nella nota, “la gratitudine verso queste splendide persone”.

Print Friendly, PDF & Email