Movida in centro storico a Ragusa: Youpolis propone chiusura al traffico corso Vittorio Veneto

Ragusa, 24 novembre 2015 – Una proposta girata all’amministrazione comunale legata ad un fenomeno che da due anni ha ravvivato il centro storico di Ragusa superiore. E’ il suggerimento del laboratorio di Ragusa dell’Associazione Youpolis Sicilia. La stagione invernale della movida ragusana, si è concentrata infatti per il secondo anno tra piazza San Giovanni, Via Mariannina Coffa e Corso Vittorio Veneto. “Una bella conquista” spiegano i giovani, “sia perché il centro è finalmente vivo, sia perché diversi imprenditori – molti giovani – stanno raccogliendo i frutti del loro sapiente investimento, sia perché in questo modo – grazie alla possibilità di trascorrere piacevoli serate tra tra il centro storico superiore e la già frequentatissima Ragusa Ibla – i giovani iblei tendono a rimanere a Ragusa e non a prendere l’auto spostandosi fuori città, come si faceva prima, riducendo sicuramente di molto il rischio di incidenti stradali”. Per questo nasce la proposta, tenendo conto che – come da foto scattata sabato scorso – numerose sono le auto che si incrociano con il flusso dei giovani. “Preso atto delle numerose richieste e considerando ciò che noi stessi abbiamo notato nelle ore della ‘movida’ abbiamo formalmente suggerito all’amministrazione comunale di valutare la possibile chiusura al traffico (residenti, commercianti e clienti dell’Hotel Vittorio Veneto esclusi ovviamente) del tratto di Corso Vittorio Veneto compreso tra la Via Mario Rapisardi e la Via Roma, in un orario comunque molto preciso, almeno tra le 23 del sabato e le 03 di domenica per tutto il periodo invernale, verificando se possa essere necessaria una soluzione simile anche per il venerdì. Tutto questo per evitare che la circolazione veicolare costituisca intralcio alla fruizione dei giovani di quel tratto, dove insistono diversi locali. Tale divieto, limitato ovviamente a quelle singole ore, darebbe un impulso maggiore allo sviluppo di tale area del centro storico come luogo di socialità e aggregazione”.

Print Friendly, PDF & Email