Premio “Ragusani nel mondo”, conosciamo i premiati: Vincenzo Canzonieri, nome d’eccellenza negli studi internazionali di oncologia

RAGUSA – Ha dedicato la sua vita agli studi di anatomia patologica, diventando un esperto a livello internazionale nella patologia tumorale.

Attualmente è direttore della struttura complessa di Anatomia Patologica presso il Centro di Riferimento Oncologico di Aviano, struttura di eccellenza in Italia, che fa capo all’Istituto Nazionale Tumori. Vincenzo Canzonieri è uno premiati della 22esima edizione del premio “Ragusani nel Mondo”, la manifestazione che premia l’eccellenza iblea nel mondo, in programma con un doppio appuntamento il 5 e 6 agosto in piazza Libertà a Ragusa. Canzonieri è nato a Comiso (Rg) nel 1959. All’età di 31 anni, dopo avere conseguito la laurea presso la Facoltà di Medicina dell’Università di Catania, ha ottenuto la specializzazione in Anatomia Patologica presso l’Università di Padova. Negli anni ha proseguito il suo iter di specializzazione in Oncologia generale e Medicina legale tra l’Università di Catania e l’Ateneo di Udine. Prima di divenire direttore di uno degli istituti più affermati in ambito oncologico a livello internazionale, ha rivestito diversi incarichi: assistente anatomopatologo, dirigente, responsabile della complessa struttura di Anatomia patologica e co-direttore. È professore universitario di prima fascia in Anatomia Patologica ed è stato docente presso l’Università di Udine. Ha eccellenti capacità gestionali ed amministrative che lo hanno visto impegnato nell’organizzazione di eventi medico-scientifici sia in Italia nazionali ed internazionali. Da sempre impegnato nella ricerca biomedica, esplora nuove frontiere nei settori dell’energia, della tecnologia, dell’ambiente e degli eventi accidentali. Attualmente è consulente e attivista di numerosi progetti di ricerca in Italia e all’estero nei suoi settori di competenza e fa parte di numerose società nazionali e internazionali di diagnostica e patologia tumorale. Centinaia le pubblicazioni in questi anni per testi e riviste di diagnostica e anatomia patologica, nonché le partecipazioni come relatore e moderatore a numerosi congressi e riunioni scientifiche a livello internazionale. Le sue spiccate capacità alla moderazione, all’ascolto e all’empatia lo portano a creare un clima di profonda intimità e fiducia con i pazienti che incontra quotidianamente.

Print Friendly, PDF & Email