Punta Braccetto, rischio idrogeologico. I residenti chiedono interventi immediati

Lo hanno chiamato senza mezzi termini “il tappo”. Una valanga di detriti ha ostruito il canalone che trascina l’acqua piovana direttamente a mare. Il canalone si è trasformato in una discarica a cielo aperto.

La pioggia torrenziale ha trascinato lungo il canalone cumuli di detriti con canne, contenitori in plastica, bottiglie di vetro e quant’altro creando un barriera sotto il ponte di Punta Braccetto nel territorio di Ragusa. Una barriera che dovrà necessariamente essere ripulita. I residenti, da giorni, hanno chiesto, invano, l’intervento della protezione civile e dei vigili del fuoco.

“C’è il serio rischio che le nostre abitazioni e il ponte –spiega Anna Mugnieco, residente – vengano travolte dalla furia delle acque. Sotto il ponte ci sono migliaia di detriti che ostruiscono il naturale deflusso dell’acqua fino a mare”. La signora Anna Mugnieco, da giorni, armata di rastrello zappa, ha cercato di liberare dai detriti le caditoie nella parte sovrastante il ponticello.

“Speriamo che il comune di Ragusa – aggiunge Gianni Distefano, commerciante – si attivi in maniera celere per ripulire il fondo valle del canalone”.

Maggiori dettagli nel video

[embedplusvideo height=”480″ width=”640″ editlink=”http://bit.ly/2jv6swC” standard=”http://www.youtube.com/v/X56nGD6d6jU?fs=1″ vars=”ytid=X56nGD6d6jU&width=640&height=480&start=&stop=&rs=w&hd=0&autoplay=1&react=1&chapters=&notes=” id=”ep9470″ /]

Print Friendly, PDF & Email