Ragusa, 1° Torneo Senza Frontiere di Ping-Pong e Calcio Balilla

Il CSI di Ragusa, in collaborazione con il Centro Polifunzionale di Ragusa e la Sezione A.M.A. di Ragusa ha organizzato la 1^ edizione del TORNEO SENZA FRONTIERE che si è svolta presso il Centro Polifunzionale di Via Colajanni a Ragusa. L’iniziativa, aperta a chiunque volesse aderire, ha coinvolto anche gli alunni delle Scuole Medie inferiori e degli Istituti Superiori di Ragusa ed i Profughi e Rifugiati Richiedenti Asilo del nostro territorio.

La 1^ edizione del Torneo SENZA FRONTIERE ha visto i partecipanti cimentarsi in una sana competizione nelle specialità sportive del Tennis-tavolo, doppio e singolo e del Calcio-balilla. I Tornei si sono svolti nella Palestra del Centro Polifunzionale dove sono stati allocati due Bigliardini e 4 Tavoli da PingPong. I ragazzi hanno partecipato in coppie miste stabilite attraverso un sorteggio preliminare.

La Manifestazione, dai nobili risvolti di promozione didattica e della cultura della solidarietà, rientra nell’ambito delle celebrazioni previste in occasione della Giornata della Memoria 2018 e si protrarrà per una settimana. Chiunque sia interessato può aderire contattando le associazioni organizzatrici.

“L’importanza del ricordo, perché è impossibile dimenticare le atrocità che uomini e donne hanno dovuto subire da una parte – afferma il Presidente Provinciale del CSI Ragusa Antonella Caramia – e la possibilità di vivere un’esperienza formativa ed altamente educativa dall’altra ci hanno spinto ad organizzare questa manifestazione rivolta proprio ai ragazzi. Attraverso lo sport vogliamo far comprendere ai giovani, soprattutto in un periodo come quello attuale in cui è facile cedere all’odio e ad atteggiamenti razziali, che invece è possibile una convivenza civile. La diversità non deve essere vissuta come un limite ma come un valore aggiunto che ci arricchisce”.

“E proprio perché in questo primo ventennio del 21° secolo – aggiunge Elio Sortino Curatore Tecnico Tennistavolo – il rischio delle xenofobie e dei razzismi collettivi, e sempre più in voga,( la triste cultura dei muri, dei ghetti e dei fili spinti con le quotazioni sempre più in rialzo) che nasce l’idea del 1° TORNEO SENZA FRONTIERE. Oggi, al di la delle nostre sponde nel Mediterraneo, di piccole AUSCHWITZ del nuovo millennio ne esistono tante e quindi ci sembra giusto e doveroso promulgare manifestazioni, anche molto simboliche, che possano ricondurci alla filosofia della fratellanza e dell’integrazione, nelle giornate che annualmente si dedicano al “NON DIMENTICARE”.

“L’integrazione è possibile – aggiunge Silvana Bongiorno, responsabile dell’ambito sociale dell’ A.M.A. – è questo il messaggio che vogliamo lanciare. Crediamo che sia fondamentale, oggi, promuovere sempre più iniziative che permettano ai nostri ragazzi di sperimentare e conoscere superando in tal modo “la paura” dell’altro”.

“Non potevamo non condividere una lodevole iniziativa come questa – afferma l’ing. Marcello Dimartino dirigente del settore Protezione Civile del Comune di Ragusa. Tra l’altro questo il primo evento del genere che ospitiamo qui al Centro Polifunzionale. Un evento ludico ma allo stesso tempo formativo che sicuramente lascerà a questi ragazzi non solo un bellissimo ricordo ma anche un insegnamento per la vita”.

Ad essere premiate saranno le prime due coppie del Torneo di Calcio-Balilla e del Doppio di Ping-Pong ed i primi 4 del Torneo di Ping-Pong al Singolare. La cerimonia di premiazione avverrà il prossimo 4 Febbraio al Palazama a Ragusa nell’ambito della “1 Edizione Coppa Carnevale” organizzata dal CSI Ragusa.

Print Friendly, PDF & Email