Riciclaggio: circa 5.000 conti sospetti presso la Banca Vaticana

La “Santa Sede” sarebbe stata utilizzata per decenni del riciclaggio del denaro delle mafie

ROMA – Il Vaticano ha chiuso quasi 5000 conti mentre il numero di segnalazioni di operazioni sospette sono triplicate rispetto al 2014. “Abbiamo adottato una linea molto severa nei confronti di qualsiasi account che non rispetta” la legislazione vaticana, ha dichiarto Tommaso Di Ruzza, direttore dell’autorità di rendicontazione finanziaria (AIF) della Santa Sede, nel presentare il report del 2015 dell’organizzazione. “Ora, questa procedura è finita” e “un totale di 4935 conti sono stati chiusi”, ha aggiunto spiegando che si trattava di un “numero definitivo”.  Ciò rappresenta più del triplo delle 147 relazioni del 2014, ma per il Presidente dell’AIF, René Brülhart, questo aumento è dovuto probabilmente a causa di una maggiore vigilanza. In passato, l’IOR aveva anche tra i suoi clienti personaggi mafiosi, che hanno scatenato nel 1980 numerosi scandali di rilevanza internazionale. Trent’anni dopo, il Vaticano non conosceva ancora l’identità di migliaia di titolari di un conto e molti non avevano alcun legame apparente con la Chiesa e le sue attività caritative. Giovanni D’Agata, fondatore dello “Sportello dei Diritti”, si augura che questo sia un primo tassello per il recupero di tutti i capitali che sarebbero stati illecitamente esportati all’estero da parte di italiani  e che possano essere sempre utilizzati integralmente per fini di utilità sociale.

Print Friendly, PDF & Email