Savino : “La fatturazione elettronica non serve senza la digitalizzazione dei processi”

Il 2016 e il prossimo 2017 sono anni cruciali per la digitalizzazione dei processi aziendali e della pubblica amministrazione. Vediamo insieme quali sono i punti cruciali da tenere in considerazione per non perdere il treno della digitalizzazione

Roma, 21 giugno 2016 – È ormai ufficiale, la fatturazione elettronica tra privati partirà l’1 gennaio del 2017 passando per la digitalizzazione della pubblica amministrazione l’11 agosto 2016, quando entrerà in vigore il DPCM del 13 novembre 2014, che rivoluzionerà il modo di creare e formare documenti nelle pubbliche amministrazioni di qualunque grandezza, rendendo tutti documenti nativi informatici e quindi soggetti alla conservazione digitale a norma. La fatturazione elettronica verso la pubblica amministrazione ha rappresentato oggi una grandissima innovazione in termini di processi e un grandissimo vantaggio per tutti gli stakeholders interessati. Ma ha ancora molte lacune: come ad esempio la gestione digitale di tutti i documenti collegati e collaterali alla fattura elettronica PA.
Per questo motivo il governo e tutta Europa spingono anche per la fatturazione elettronica tra privati che partirà ufficialmente l’ 1 gennaio 2017 in modo facoltativo”  ci dice l’ing. Nicola Savino, esperto nazionale per la digitalizzazione a norma dei processi e CEO Seen Solution Srl (www.nicolasavino.com). Ma i vantaggi sono talmente evidenti ed importanti, che tutte le aziende private di qualunque dimensione e tutti i professionisti potranno beneficiare di un’innovazione di processo, tecnologica e che permetterà l’abbandono di processi analogici, vecchi e cartacei. Il vantaggio ovviamente non è solo quello della dematerializzazione, ma soprattutto nell’avere un processo digitale, compliance con le norme e con gli asset aziendali e che offra risultati concreti in termini di risparmio di costi e snellimento di procedure. Digitalizzare dunque i processi e non i documenti, anzi digitalizzare i record e le informazioni. Del resto l’Europa spinge verso la digitalizzazione e verso il digitale sicuro, proprio grazie al regolamento eIDAS che sarà in vigore dal 1 luglio 2016 e che rivoluzionerà non poco la definizione e l’opponibilità a terzi del documento informatico anche sottoscritto con firma elettronica semplice.
Staremo a vedere poi cosa farà il Governo con il nuovo codice dell’amministrazione digitale che dovrà essere prima o poi formulato e se e come recepirà queste modifiche o se lascerà inalterati le definizioni di documento informatico. Quello che infatti ci impone l’Europa non è solamente l’introduzione di servizi fiduciari digitali, di nuovi servizi di identificazione elettronica ma anche una nuova definizione di documento informatico che a questo punto diventa anche un formato diverso da quello che noi oggi pensiamo, ovvero ad esempio un audio, un video o qualsiasi documento che nasce in formato digitale, come del resto già espresso dal DPCM del 13 Novembre 2014” ci dice ancora Savino.
In questo contesto ci troviamo di fronte a una rivoluzione che necessita però di una governance, una pianificazione, una strategia certa e sicura per garantire che la conservazione digitale a norma e la fatturazione elettronica siano di fatto un vantaggio e non un ostacolo o complicazione. Per questo motivo le pubbliche amministrazioni, le aziende private e tutti i settori dovranno sempre e soltanto considerare che la cosa più importante della digitalizzazione è sempre la dematerializzazione di un processo piuttosto che di un documento, questo perché la tecnologia è l’ultimo dei problemi ma i processi digitali sono il vero valore aggiunto.
Come dico sempre è più importante dematerializzare un processo che un documento e come dico sempre il documento non è più nell’ottica immaginaria di un PDF o un oggetto o un file informatico, ma diventa un record, una informazione digitale, un dato digitale che deve essere gestito e conservato secondo le regole vigenti ma soprattutto deve essere formato nel migliore dei modi per garantire che ci sia appunto una digitalizzazione del processo di business e non una mera dematerializzazione cartacea che prende un documento su carta e lo fa diventare anche nella forma digitale. Non è la strada giusta, il record invece è l’informazione e dobbiamo tutti imparare a conservare le informazioni digitali, non i documenti” conclude il Ceo della Seen Solution. Insomma c’è bisogno di una forte governance per raggiungere i migliori risultati nel campo della digitalizzazione e per farlo dobbiamo disporre di grandi competenze e di grandi pianificazioni.

Print Friendly, PDF & Email