Sicilia. Crocetta e Borsellino: ”Finanziamento sanità zone industriali a rischio, entro una settimana la delibera di giunta”.

Redazione Due, Gela, 14 maggio 2015.- Il presidente della Regione siciliana Rosario Crocetta e l’assessore alla Salute Lucia Borsellino, comunicano che entro una settimana sarà istruito e approvato il provvedimento relativo al finanziamento per il rafforzamento delle strutture sanitarie di prevenzione e cura delle malattie industriali, nei siti previsti dalla legge: Gela, Siracusa e Milazzo. Ci saranno a disposizione diversi milioni di euro per lo screening della popolazione, l’acquisto di nuove attrezzature e soprattutto per la politica di prevenzione dei rischi. Le modalità si articoleranno sulla base della proposta elaborata dal direttore dell’Asp di Calatanissetta, Carmela Iacono e già illustrata la settimana scorsa anche alla commissione Sanità dell’Ars. “Il governo ritiene però – dice il presidente – che per realizzare tale progetto non occorra un nuovo disegno di legge, perchè le tre aree interessate hanno già una legge che prevede interventi specifici, rivolti alla prevenzione e alla cura delle malattie da inquinamento industriale. Con tale deliberazione partiranno una serie di attività in zone nelle quali negli anni passati si sono registrati allarmanti dati di neoplasie e malformazioni genetiche, senza che siano stati predisposti, nonostante la tutela legislativa, strumenti adeguati. Con il nuovo piano – aggiungono Crocetta e Borsellino – non interveniamo più dopo che la malattia si sia manifestata ma cerchiamo di evitare che la gente si ammali. Tra l’altro nell’area di Gela – conclude Crocetta – esiste già un piano operativo di riconversione della vecchia Raffineria nel più grande polo italiano di green economy, che arginerà il problema dell’inquinamento”.

Print Friendly, PDF & Email