Street food, ovvero ecco come inventarsi un lavoro “buonissimo”

Nel settore Street Food nascono nuove opportunità lavorative grazie a nuovi marchi di start up e franchising creati da giovani imprenditori. Le caratteristiche? Modelli di business innovativi e “light”, con un’alta attenzione alla qualità, fantasia e soprattutto la passione per il buon cibo….

Roma, 19 settembre 2016 – Il tasso di disoccupazione giovanile non si schioda da uno sconfortante 39,2% e “cercarsi un lavoro” oggi sembra più che mai una leggenda o un’idea dello scorso secolo. Neppure la laurea è più una garanzia, né di occupazione, né di stipendio decente, basta pensare che tra i giovani il tasso dei sovraistruiti (in possesso di un titolo di studio superiore rispetto al lavoro che fanno) è triplo rispetto a quello degli adulti. Ma le cose si muovono e, se il lavoro non c’è, lo s’inventa.
L’imprenditoria giovanile ci sta offrendo infatti esempi di dinamismo e creatività interessantissimi. Molti partono da quello che c’è come le passioni personali e la capacità di cogliere i nuovi bisogni, soprattutto con l’idea di creare start up leggere, che necessitino di poco investimento iniziale, di poco magazzino, di poco personale e che possa essere gestito con le proprie forze. Straordinarie in questo senso le nuove iniziative imprenditoriali legate allo Street Food, settore sempre vivo e effervescente.
Qualche esempio? Ecco Bufala Punto Eat, il primo Street Food in franchising. L’idea, geniale, è quella della vendita di prodotti freschissimi del Cilento, sfiziosi stuzzichini con bocconcini di mozzarella, yogurt, bresaola, salumi e formaggi stagionati, tutti rigorosamente di bufala, portati in Ape Car proprio là dove i clienti sono soliti risiedere: fuori dagli uffici o dalle scuole all’ora di pranzo, fuori dalle discoteche o all’uscita dei concerti.
Per chi non sa da che parte cominciare a costruirsi una professione avviando una start up, un franchising come Bufala Punto Eat, all’insegna della semplicità e del basso investimento d’ingresso, potrebbe essere una soluzione brillante. Guardare per credere: https://vimeo.com/165002509.
Un altro aspetto davvero innovativo di Bufala Punto Eat è l’attenzione che pone nel seguire gli aspiranti imprenditori (che nel mondo delle start up si trovano spesso un po’ persi) nell’aiutarli nell’eseguire i giusti passi per poter avviare l’attività.
Ad esempio, affiancandoli nello stringere una convenzione bancaria per ottenere un finanziamento a tassi molto agevolati, o anche fornendo loro le informazioni e la documentazione tecnica (piani economici di dettaglio per il primo triennio di attività, piano di investimenti, ecc.) necessari per la richiesta di fondi o microcrediti messi a disposizione da parte di Enti (Comuni, Regioni, Stato ecc.) per l’avvio di attività imprenditoriali. Altro esempio di piccoli imprenditori “selfmade” è quello dei deliziosi pezzi di baccalà di “I Baccalà”. A Milano tre amici si sono muniti di un furgone attrezzato per friggere il baccalà sul momento, un mono prodotto, fresco e ben cucinato con un sito per sapere sempre dove si trova il furgone… et voilà! Per sapere dove gustare i croccantissimi pezzi di baccalà basta andare su www.ibaccala.it. Sia “Bufala Punto Eat” che “I Baccalà” adottano una comunicazione allegra ed informale, unita a una grande attenzione al design del marchio e dell’immagine. Ancora piccoli, ma di grande qualità e dinamismo, gli imprenditori dello Street Food sono una realtà da tenere d’occhio.

Print Friendly, PDF & Email