Vincenzo Fontana: “Mettere in sicurezza la Palermo-Sciacca. Troppi incidenti e troppi morti sulla SS 624”

Atto ispettivo urgente all’Ars

PALERMO – “Sono già troppe le arterie viarie siciliane popolarmente conosciute come la strada della morte – dice Vincenzo Fontana – non vogliamo che anche la Palermo-Sciacca finisca per prendere questa triste ‘nciuria”. Per questo, il vicepresidente della Sesta commissione legislativa deposita una interrogazione urgente all’Ars per sapere se siano già stati contattati i vertici dell’Anas affinché, dopo un celere ma accurato sopralluogo, preparino una scheda tecnica completa dei lavori urgenti per la messa in sicurezza della SS 624, oggi con asfalto dissestato quando non mancante in troppi suoi tratti, con avvallamenti che minacciano frane e che nelle giornate di pioggia divengono pericolose pozzanghere dalla profondità non calcolabile per gli automobilisti.
Nell’atto ispettivo, il vicecapogruppo Ncd ricorda le decine di incidenti e gli oltre venti morti registrati nel triennio in corso; l’ultimo il 22 febbraio scorso (due giorni fa per chi scrive) nel quale ha perso la vita un motociclista saccense.
“Più volte – specifica Fontana all’assessore alla Mobilità e al presidente Crocetta, in indirizzo dell’interrogazione – le amministrazioni dei Comuni attraversati dalla statale 624 hanno chiesto, anche inscenando manifestazioni pubbliche, l’intervento delle autorità competenti. Ma, a parte alcuni lavori di manutenzione del tutto non bastevoli da parte dell’Anas, queste richieste sono rimaste lettera morta”.
“Quali provvedimenti si intendono urgentemente adottare per azzerare i disagi, la pericolosità e l’incidenza mortale – chiude Fontana – in quella che è una delle arterie isolane fra le più strategiche?

Print Friendly, PDF & Email