Vittoria. CGIL, CISL e UIL scrivo al Sindaco per problematiche Servizi di telefonia e rete ITC

VITTORIA – Le sigle sindacali CGIL, CISL e UIL scrivono una lettera al Sindaco, Avv. Giovanni Moscato, al Dirigente Sistemi informatici e reti ITC, al Dirigente del Personale e al Segretario Generale per dare voce alle numerose segnalazioni del personale dipendente che lamenta alcune criticità operative degli Uffici. Ecco il testo della lettera:

Le scriventi OO.SS., intendono dare voce alle numerose segnalazioni del personale dipendente, che lamenta alcune criticità operative degli Uffici dovute all’eccessiva lentezza o più recentemente a casi di totale assenza di connessione alla rete internet e ancora a problematiche correlate alla disattivazione di alcune linee telefoniche e fax, che impediscono la regolare comunicazione tra gli Uffici dell’Ente e all’esterno.

Non possiamo che condividere le lamentele dei dipendenti e dei Dirigenti, che quotidianamente operano in un contesto in cui la comunicazione “voce e internet” risulta imprescindibile rispetto alla normale operatività degli uffici, basti pensare all’Ufficio Protocollo Generale, che filtra in Entrata e Uscita l’intera corrispondenza dell’Ente (fatturazione elettronica e quant’altro) o all’impossibilità degli Uffici a poter fare o ricevere mail, Pec, Fax o semplicemente per comunicare telefonicamente tra Uffici e/o con l’utenza, in molti casi le linee telefoniche risultano sovraccariche o peggio disattivate, fattore che costringe i lavoratori ad estenuanti attese e inoperosità diffuse.

Mentre le norme, i regolamenti e il buon senso invita all’utilizzo responsabile delle risorse informatiche tecnologiche e di comunicazione, vietando tassativamente l’utilizzo delle stesse se non per fini prettamente istituzionali, nella nostra realtà il personale dipendente dell’Ente è costretto quasi quotidianamente ad utilizzare utenze personali, telefono e rete internet per garantire nei momenti di disservizio, un minimo di operatività alle strutture organizzative e agli uffici in cui svolgono servizio.

Tutto ciò è palesemente inaccettabile e non compatibile con i fini istituzionali, pensiamo all’operatività di alcuni uffici, costretti a operare vincolati a scadenze improcrastinabili, o alle innumerevoli attività contabili / amministrative e fiscali che necessitano di un perenne collegamento alla rete, il cui mancato assolvimento genera inevitabilmente responsabilità a carico di Uffici, Dirigenti e Dipendenti, senza considerare lo stress del dipendente che vede condizionata l’attività lavorativa dall’efficienza della rete Internet.

Condividiamo il pregevole obiettivo della nostra Amministrazione, teso a ad agevolare il processo di piena digitalizzazione e informatizzazione della macchina Amministrativa, che deve piuttosto fare i conti, non tanto con i ritardi sulla fibra ottica, che certamente rivoluzionerà il modus operandi degli Uffici contribuendo a neutralizzare la condizione di estrema marginalità del nostro territorio, ma bensì con un modello tecnologico, informatico e di comunicazione stantio e inefficiente, che vanifica gli sforzi degli Amministratori di questo Ente, che congiuntamente al personale Dipendente e Dirigente, si prefiggono ragguardevoli obiettivi di qualità e di quantità nell’offerta dei servizi resi alla collettività.

Non siamo a conoscenza delle motivazioni che generano un simile disservizio, ne riteniamo che le ragioni possano influenzare quanto espresso con la presente, riteniamo piuttosto necessario e inderogabile porre la massima attenzione su tale problematica con l’auspicio di pervenire al più presto all’individuazione delle opportune soluzioni.

Siamo certi, che la presente nota non rappresenti una novità assoluta, riteniamo che i destinatari della presente e i responsabili dell’Ente abbiano già percezione su quanto in nota evidenziato, ci auspichiamo un intervento risolutivo che permetta al Personale Dipendente e ai Dirigenti delle varie Direzioni di poter operare serenamente e proficuamente nell’interesse dell’Amministrazione e della collettività che essa rappresenta.
In attesa di riscontro si porgono distinti saluti.

PER LE ORGANIZZAZIONI SINDACALI

Nunzio Fernandez
Francesco Zammitto
Giovanni Sallemi

Print Friendly, PDF & Email