Vittoria: domenica mattina un “Corteo in difesa dei nostri amici a quattro zampe”

Una manifestazione per dire basta, basta alle stragi di amici a quattro zampe, basta agli atti barbarici che sin oggi si sono consumati sotto gli occhi di tutti e in barba alle più elementari regole del vivere civile e del rispetto della legge che tutela gli animali di affezione.

Con questo intento volontari e associazioni animaliste scendono in campo, domenica mattina, con inizio alle ore 10,00 a Vittoria. La manifestazione prevede un corteo che inizialmente sosterà, per circa un’ora, in Piazza del Popolo e poi muoverà verso via Cavour e Piazza Ricca.

“Nell’ultimo periodo – spiega Miriam Ragona, volontaria – abbiamo assistito ad una vera e propria strage a Vittoria. Tanti i cani e gatti che sono stati avvelenati in città, per non contare tutti quelli che giornalmente vengono maltrattati. È arrivato il momento di dire basta a tutto questo”.

Per Miriam l’ignoranza, la mancanza di educazione, di rispetto e soprattutto di un’adeguata apertura mentale sono le prime cause degli atti di violenza nei confronti degli amici a quattro zampe.

“Sono convinta – dice – che tra le prime azioni da porre in essere per cercare di risolvere la problematica sia necessario avviare campagne di sensibilizzazione rivolte ai cittadini e in primis alle scuole. Sono stata spesso testimone di scene orribili, ho visto animali picchiati in modo atroce da persone prive di cuore. Non è più tollerabile una situazione del genere “.

Sebbene l’Amministrazione Comunale stia iniziando a dare qualche segnale ancor oggi poco è stato fatto.

“Finalmente dall’Amministrazione – dice Miriam – stiamo ricevendo qualche segnale positivo ma è anche vero che c’è tanto da fare e dobbiamo essere anche noi a spenderci per questa giusta causa. La situazione non è facile, le strutture per ricovero sono al collasso non solo per mancanza di posti ma anche e soprattutto per carenza di fondi. Se da un lato quindi abbiamo problemi gestionali non indifferenti e nonostante tutto cerchiamo di dare il massimo, dall’altro non possiamo tollerare tanta violenza che purtroppo riscontriamo anche nei bambini”.

“E’ per questo – conclude Miriam – che invito tutti a partecipare domenica mattina al corteo. Tutti insieme diciamo basta alla violenza e tuteliamo i diritti dei nostri amici a quattro zampe”.

Print Friendly, PDF & Email