Vittoria. Incontro teorico-pratico sul “portare in fascia” per parlare di babywearing e di “alto contatto”

Vittoria – Incontro teorico-pratico sul “portare in fascia” per parlare di babywearing e di “alto contatto” con l’associazione Marachelle a Spasso.

L’appuntamento gratuito rivolto a futuri genitori o a chi ha già dei figli, organizzato in collaborazione tra lo “Sportello For Family” e lo studio ostetrico Salerno, si è tenuto lunedì mattina nei locali dello studio.

Era presente Ilenia Licitra, Tutor del “portare in fascia” e fondatrice, insieme a Luisa Licitra, di Marachelle a spasso.

“Tutto è iniziato – ha raccontato Ilenia Licitra – con l’acquisto di una fascia, ma cercando informazioni su questo prodotto ci siamo trovate di fronte ad un’enorme quantità di notizie, difficile da organizzare. Così abbiamo deciso di iniziare un percorso di formazione, con delle vere e proprie scuole riconosciute in Italia e all’estero, e di organizzare delle attività di supporto per tutti coloro i quali volevano conoscere la fascia ed il babywearing. Successivamente abbiamo cominciato a creare dei prodotti con tessuti tecnici e diverse caratteristiche”.

Numerosi sarebbero i vantaggi per chi decide di avvicinarsi a questa pratica. “Per la mamma – ha spiegato Licitra – vengono favoriti il recupero della forma fisica e delle attività quotidiane, oltre ad un supporto nel contrasto della depressione post partum e nell’avvio dell’allattamento. D’altro canto – ha proseguito la Tutor – anche per il bambino i vantaggi sono molteplici, poiché con la fascia abbiamo una riduzione delle crisi di pianto ed un aiuto in caso di stipsi, coliche e reflusso; inoltre la fascia crea una maggiore sicurezza, che favorisce l’indipendenza ed è un aiuto nello sviluppo psico-fisico del neonato. Senza dimenticare – ha concluso – che anche i papà possono provare numerose emozioni e rafforzare il legame con il bambino attraverso la fascia”.

Durante l’incontro sono state spiegate le regole del “buon portare” ed i partecipanti hanno provato ad utilizzare, con l’ausilio di bambole didattiche, i diversi supporti.

Era presente anche Alessandra Salerno, ostetrica di riferimento dello Sportello for Family, inaugurato lo scorso 28 aprile e nato all’interno dell’associazione Cerchio Blu ONLUS, presieduta da Adriana Lo Monaco.

“Lo Sportello – ha detto Salerno – è stato creato per essere un punto di riferimento nell’ambito della nascita e per aiutare la coppia verso una genitorialità consapevole e responsabile. Lo Sportello – ha proseguito — è un luogo d’ascolto e di condivisone, intorno al quale ruotano diverse figure professionali. Associandosi, i tesserati potranno partecipare ai diversi incontri gratuiti per gravidanza e post partum, organizzati con i vari professionisti coinvolti ed usufruire di alcuni servizi a prezzi scontati, presso i centri affiliati presenti sul territorio”.

Tra le varie attività che lo Sportello cerca di promuovere in città c’è la “Poppata di gruppo”, una volta alla settimana.

“Le mamme che parteciperanno – ha aggiunto Salerno – potranno confrontarsi, scambiarsi delle idee, così da affrontare con meno timore le varie problematiche; potranno avvalersi, inoltre, della presenza di un’ostetrica, pronta ad offrire la propria consulenza gratuita nel corso di questi incontri”.

Per conoscere le prossime iniziative dello Sportello for Family si può contattare la pagina FB https://www.facebook.com/sportelloforfamily/ o chiamare il numero 0932-1913091.

Nella foto 1: Ilenia Licitra, alcuni futuri genitori presenti all’incontro e la dottoressa Alessandra Salerno.

Nella foto 2: Ilenia Licitra durante l’incontro.

Print Friendly, PDF & Email