Vittoria. La polizia municipale incontra le scuole del territorio

Vittoria, 28 maggio 2015 – Si è tenuto oggi, nell’auditorium dell’istituto comprensivo “Portella della Ginestra”, “Diamo vita ai valori: entrano in scena gli alunni”, manifestazione organizzata dal Comando di polizia municipale, che ha visto come protagonisti gli alunni di numerose scuole del territorio.
L’iniziativa ha costituito il momento conclusivo dei Percorsi di didattica avviati in collaborazione con le dirigenze scolastiche cittadine sul tema della sicurezza e della legalità.
“La giornata – ha dichiarato il comandante Cosimo Costa – ha inteso focalizzare l’importanza di  una rete territoriale integrata  fra il mondo della scuola e la polizia locale, quali soggetti istituzionali che collaborando insieme possono contribuire a diffondere un nuovo modello di sviluppo sociale e culturale. La vera scommessa in un paese democratico è quella di formare le giovani generazioni alla cultura della legalità. Per i giovani e le scuole che hanno preso parte alle attività del calendario della legalità e della sicurezza è stata ideata questa manifestazione conclusiva, resa possibile dai rapporti e dalle intese che da diversi anni il Comando di polizia municipale ha intrapreso con le scuole del territorio. La loro fiducia, il loro sostegno e la loro disponibilità hanno accompagnato il lavoro svolto dal qualificato personale di Pm nel corso del ciclo di incontri con gli alunni, proponendo in tal modo un modello di crescita e di confronto partecipato capace di consolidare la cultura del rispetto. La scuola è contemporaneamente uno strumento e un luogo indispensabile per combattere l’illegalità e dare ai giovani una prospettiva di vita basata sui valori della dignità, della solidarietà e del rispetto. Il significato dei percorsi è stato proprio quello di sviluppare una corretta informazione e una maggiore capacità a volgere lo sguardo sulla realtà circostante: conoscere per essere più responsabili. La cultura risveglia le coscienze, ci fa toccare con mano lo stato di salute della democrazia del nostro Paese e noi abbiamo il dovere di dare ai ragazzi una società che abbia la speranza nel cambiamento”.
Relatrice della manifestazione l’ispettore capo Gianna Giarratana, che ha spiegato che “l’ idea progettuale è nata dal desiderio di stimolare i giovani a sentirsi ‘cittadini partecipi della vita comunitaria’ ed ha avuto come obiettivo quello di trasmettere un messaggio forte e incisivo, facendo loro comprendere che la legalità è un bene essenziale, che senza legalità non c´è concordia, ma conflitto senza esclusione di colpi; che la legalità non è un concetto astratto, ma concreto, realizzabile con il proprio comportamento quotidiano e con il proprio stile di vita. E ognuno di noi può dare il suo contributo. La giornata ha voluto esaltare lo spirito unitario di intenti che lega l’impegno costante delle scuole nel suscitare l’interesse degli alunni alla sensibilità del Comando per la crescita culturale del territorio. Questa giornata, pensata appositamente per gli alunni, ha voluto rappresentare l’amore, quel bene che non ha confini di spazio e di tempo: il Bene oltre tutti gli egoismi. Tali significati universali d’amore e rinascita sono augurali per un positivo slancio verso il futuro”.

Print Friendly, PDF & Email