Vittoria. Presentata, oggi, l’Associazione “Per un cuore sano”

Si è svolta oggi a Vittoria, presso la sala Avis, la conferenza stampa di presentazione dell’Associazione “Per un cuore sano”.
La presentazione è stata un momento di aggregazione tra i componenti della nascitura Associazione di volontariato e la città. Nella foto, da sinistra: il dottore Gaetano Giarratana, anestesista in pensione, il dottore Giulio Vladimr Lettica, primario di cardilogia all’ospedale di Vittoria e il moderatore, Gianni Di Gennaro, nostro Direttore responsabile.
Gli scopi che si prefigge l’Associazione, composta da medici e professionisti, è quello di promuovere, in collaborazione con l’Asp, iniziative sinergiche agli scopi dell’Associazione stessa e in collaborazione con scuole, comitati, fondazioni, confederazioni, associazioni, società sportive e centri di aggregazione in genere.
Il Presidente dell’Associazione, Giulio Vladimir Lettica, nel suo intervento, ha auspicato un sempre maggiore impegno della città e dei cittadini, che possa contribuire a salvare vite umane, anche con l’ausilio di defibrillatori che saranno installati, oltre a quelli già esistenti, in punti strategici della città.
<Desidero ringraziare> ha detto Lettica <il compianto Preside Giombattista Piccione, che, ha donato alla città, qualche anno addietro, un numero cospicuo di apparecchi defibrillanti, gli unici strumenti, che possono contribuire a salvare la vita di chi viene colto da arresto cardiaco. Mi corre l’obbligo di ricordare> ha aggiunto Lettica < che in Italia, ci sono circa 70.000 persone che ogni anno perdono la vita per morte improvvisa, determinata da arresto cardiaco. Va ringraziato anche> ha continuato il Primario> il parrucchiere Pippo Iacono, che ha donato alla città, 7 defibrillatori, e auspichiamo, ma su questo fronte ci impegniamo noi come Associazione, che possa essere molto presto tracciata, una mappa di questi straordinari apparecchi già esistenti>.
Il dottore Giarratana, già da anni impegnato nella formazione di persone per gli interventi di primo soccorso, ha annunciato che ha già pronto un lavoro di mappatura e che lo mette a disposizione dell’Associazione, da lui stesso fortemente voluta.
Adesso che l’installazione di defibrillatori è diventata legge, nel corso del 2019, nelle pubbliche amministrazioni, potrebbero essere scongiurate morti improvvise per ritardi nei soccorsi e quant’altro.

Print Friendly, PDF & Email