Acate. Carabinieri sventano furto di rame in un impianto fotovoltaico: arrestato rumeno dopo un inseguimento

ACATE – Prosegue a ritmi serrati l’attività di prevenzione e di repressione dei reati contro il patrimonio nel territorio della giurisdizione della Compagnia Carabinieri di Vittoria, nell’ambito dei mirati servizi di controllo del territorio predisposti dal Comandante Provinciale di Ragusa.
Nello specifico, alle prime luci dell’alba di oggi, ad Acate, in Contrada Pizzo di Rizzo, i militari dell’Aliquota Radiomobile, impiegati nel pattugliamento delle aree rurali, hanno sorpreso un rumeno, Pintilie Iulian Marian, di anni 20, che, assieme ad altri due complici in fase di identificazione, cercava di trafugare del rame da un impianto fotovoltaico. Alla vista dei militari, mentre i due scappavano a piedi per la campagne limitrofe, il 20enne ha tentato la fuga alla guida di un Fiat Doblò. Ne è nato un rocambolesco inseguimento fino a Piazza Matteotti, dove, nei pressi del noto monumento, il rumeno si è andato a schiantare con il veicolo.  Trasportato presso il Pronto Soccorso dell’Ospedale di Vittoria, al giovane, che guidava anche senza patente, è stato riscontrato un trauma facciale con ferite varie, giudicate guaribili in 10 gg. Il mezzo utilizzato, risultato oggetto di furto denunciato lo scorso 7 aprile presso la Stazione CC di Polizzi Generosa (PA), è stato sottoposto a sequestro per i rilievi del caso: al suo interno sono stati trovati attrezzi vari da scasso usati dalla banda per penetrare nell’impianto fotovoltaico e trafugare il rame dalle condutture, il tutto ovviamente sequestrato. Il rumeno è stato quindi tratto in arresto e condotto presso la caserma di via Garibaldi dove, al termine delle formalità di rito, è stato successivamente ristretto presso la Casa Circondariale di Ragusa, a disposizione del sostituto procuratore della Repubblica presso il Tribunale ibleo, dottor Rota, dinanzi al quale dovrà rispondere dei reati di tentato furto aggravato in concorso, ricettazione, resistenza a Pubblico Ufficiale, danneggiamento e possesso ingiustificato di grimaldelli, oltre che di guida senza patente.
Le indagini, tuttora in corso, sono suscettibili di ulteriori sviluppi: gli inquirenti stanno vagliando le informazioni acquisite e il modus operandi dei tre per risalire ai furti di rame, a danni di privati e di istituti pubblici, che hanno interessato nelle ultime settimane non solo l’ipparino ma tutta la provincia.
Proseguiranno, anche nei prossimi giorni, controlli a tappeto in tutta la Provincia di Ragusa, ed anche nella giurisdizione della Compagnia di Vittoria, finalizzati a contrastare qualsiasi forma di reato di natura predatoria, e nello specifico quelli riguardanti rame e similari.

Print Friendly, PDF & Email