Accoltella un uomo al termine di un litigio. Denunciato un 35enne

Lendinara, 27 ago 2014 (Italreport) – Alle tre e mezza del mattino di Lunedì un 42enne di Lendinara è stato accompagnato dalla madre al Pronto Soccorso di Trecenta con una ferita all’addome procurata, secondo la sua versione, a seguito di una caduta in bicicletta.
I medici però non ci hanno messo molto a capire che invece si trovavano di fronte ad una ferita da taglio ed hanno proceduto subito all’intervento chirurgico, durato alcune ore, avvisando nel contempo i Carabinieri della Compagnia di Castelmassa, che hanno iniziato subito gli accertamenti avvisando i colleghi della Compagnia di Rovigo e del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale.
Gli investigatori hanno quindi rivolto le loro attenzioni sui movimenti fatti dal 42enne nelle ore precedenti, tenuto conto che, secondo la sua versione, la fantomatica caduta dalla bicicletta era avvenuta verso le 18.30 di Domenica.
Le indagini sono proseguite per tutta la giornata e si sono concluse nell’abitazione di un 35enne lendinarese il quale, messo alle strette dinanzi agli elementi raccolti, ha ammesso le proprie responsabilità, consegnando ai Carabinieri il coltello che aveva utilizzato per ferire l’uomo e che aveva sepolta nel giardino di casa.
Da una prima ricostruzione dei fatti i due la sera precedente si erano incontrati nelle vicinanze dell’abitazione del ferito e, per motivi collegati al mancato pagamento di un prestito, ne era nata una lite accesa, al culmine della quale il 35enne aveva estratto l’arma colpendo all’addome l’interlocutore.
Questi, seppur ferito, era riuscito a raggiungere la propria abitazione ed avvisare la madre per i primi soccorsi, dando però una versione del tutto inverosimile sulla causa della ferita, che veniva facilmente accertata dai sanitari dell’Ospedale di Trecenta.
I Carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Rovigo, dopo aver posto sotto sequestro l’arma, deferivano in stato di libertà il 35enne alla Magistratura Rodigina, che dovrà decidere sul suo conto.
Il ferito, uscito dalla sala operatoria in prognosi riservata, rimane al momento ricoverato in ospedale.

Print Friendly, PDF & Email