Aeroporto Comiso, stangata per un comisano sorpreso a fumare

È vero fumare costa caro, sia per la salute che per il portafoglio, ma se poi non si riesce proprio a rinunciare al vizio tanto da accendersi una sigaretta anche in aeroporto malgrado tutti i divieti del caso, anche opponendo resistenza al personale Handler, che invitava il fumatore a non accendere la sigaretta, allora può diventare un’autentica stangata, a breve, quando riceverà la notifica degli atti, ne saprà qualcosa il passeggero del volo Ryanair da Comiso per Milano Malpensa di lunedì scorso, un comisano residente a Genova, che non ha proprio voluto rinunciare a godersi le tanto attese boccate di fumo.

La sera di lunedì 16 c.m., verso le ore 20.20 durante le operazioni di imbarco dei passeggeri sull’aeromobile, in sosta sullo stand n.1 dell’aeroporto di Comiso diretto a Milano Malpensa, pronto per il volo Ryanair FR FR8731, in zona “Air side”, un passeggero, nonostante i divieti e, nel caso specifico, nonostante invitato da personale preposto a non accendere la sigaretta, provvedeva ugualmente ad accenderla e a fumarla. Al successivo intervento del personale della polizia, appartenenti al commissariato di P.S. di Comiso con attribuzioni di polizia di frontiera aerea, l’incallito fumatore provvedeva a gettare ciò che rimaneva della sigaretta a terra. Il risultato?

Il personale della Polizia di Stato, sezione aeroporto, elevava al passeggero n. 2 illeciti amministrativi, il primo ai sensi degli articoli 1174 e il secondo ai sensi degli articoli 232bis comma III e 255 comma ibis, ultimo capoverso, del d. lgs. n. 152 del 03.04.2006, che insieme comminano una sanzione amministrativa pari ad euro 202,00.

Print Friendly, PDF & Email