Arrestate tre persone con l’accusa di “porto di arma con metodo mafioso”

Nelle prime ore della mattinata odierna, i Carabinieri della Compagni di Santa Maria Capua Vetere (CE), coordinati dai magistrati della Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli, stanno eseguendo un ordine di custodia cautelare in carcere nei confronti di 3 indagati, ritenuti responsabili di porto in luogo pubblico di arma da fuoco, con l’aggravante del metodo mafioso.

L’indagine, condotta dal mese di settembre 2013 a gennaio 2015, in merito alla faida tra le famiglie criminali FAVA e BELLAGIO’ per il controllo dei traffici illeciti nel comune di santa Maria Capua Vetere, ha consentito, tra l’altro, di far luce sulle intimidazioni armate poste in essere dai destinatari dell’odierno provvedimento cautelare.

Print Friendly, PDF & Email