Arrestato 19enne incensurato per coltivazione, produzione e detenzione di marijuana, ai fini di spaccio

Aveva una serra professionale in casa. Gli agenti che hanno fatto irruzione all’interno di un appartamento di Via Filippo Paladini nel Capoluogo, hanno sequestrato 34 piante di marijuana, trovate all’interno di tre serre, e altri 90 grammi circa pronta per lo spaccio

CALTANISSETTA – Ieri mattina la Squadra Mobile, diretta dal V.Q.A. d.ssa Marzia Giustolisi, nel corso di un’operazione di polizia dell’antidroga, ha tratto in arresto Librizzi Andrea Armando, incensurato di anni 19, poiché colto nella flagranza di reato di coltivazione, produzione e detenzione di marijuana ai fini di spaccio.

Gli investigatori della sezione antidroga all’interno di un appartamento di via Filippo Paladini hanno trovato tre serre professionali per la coltivazione della marijuana, con l’utilizzo di attrezzature particolarmente costose. Lo stupefacente sequestrato sarebbe di ottima qualità, con un thc superiore a quello della marijuana trovata comunemente in commercio e sul mercato illecito degli stupefacenti avrebbe fruttato migliaia di euro.

I poliziotti, erano sulle tracce del Librizzi da una decina di giorni, infatti, a seguito di attività info-investigativa, erano venuti a conoscenza del fatto che presso un appartamento sito in Via Filippo Paladini, dei giovani trasportavano vasi per piante, sacchi di terriccio e altro materiale, inoltre, da informazioni assunte in loco, apprendevano che in qualsiasi ora del giorno e della notte si sentiva il rumore provocato da ventole.

L’attività di osservazione, protrattasi per qualche giorno, consentiva agli agenti di individuare l’appartamento in questione con annesso un terrazzo, delimitato da una inferriata coperta lungo tutto il perimetro da un telo frangivento di colore verde che impediva la visione all’interno dei locali, e di registrare l’andirivieni del Librizzi e di altri soggetti.

Gli agenti notavano provenire dall’appartamento anche delle luci di colore arancione, verosimilmente delle lampade alogene ad alto Wattaggio, particolarmente adatte per la coltivazione artificiale di marijuana.

Da un controllo eseguito presso la società dell’energia elettrica constatavano che i consumi di energia dell’appartamento erano smisurati a causa del funzionamento continuo dell’impianto di coltivazione artificiale, ciò confermava i sospetti che all’interno del predetto appartamento qualcuno potesse aver installato un vero e proprio impianto per la produzione di marijuana.

Ieri mattina si passava quindi all’azione facendo irruzione nell’appartamento, dove si rinvenivano 34 piante di marijuana invasate e suddivise in tre serre tutte funzionanti e dotate di sistemi di ventilazione, lampade per la temperatura e tutto l’occorrente per la crescita delle piante compresi diversi flaconi di fertilizzante dal costo elevato (circa 75,00 €).

Nel corso della perquisizione si rinveniva anche del materiale vegetale relativo ad un precedente raccolto nonché della marijuana già essiccata contenuta in un sacchetto di cellophane trasparente del peso di 23.5 grammi (rinvenuto all’interno di un cassetto del mobile basso posto vicino il letto) e un pacchetto di tabacco, marca Marlboro, misto a verosimile sostanza stupefacente del peso di 10 grammi, nonché un essiccatore necessario alla successiva raccolta, vicino al letto all’interno di un cassetto  si rinvenivano anche 3 grinder (trita erba), infine all’interno dello stesso mobile basso posto vicino al letto si rinvenivano: una pistola ad aria compressa priva di tappo rosso carica di pallini metallici e un coltello di circa 31 cm con punta tipo caccia con lama di circa 18 cm.

Gli agenti procedevano ad eseguire una perquisizione domiciliare presso un’altra abitazione del Capoluogo nella disponibilità dell’arrestato, in via Dalmazia, dove rinvenivano e sequestravano altri 55 grammi di marijuana, tre bilancini elettronici di precisione e un grinder.

Il P.M. di turno disponeva che l’arrestato fosse condotto presso il Carcere Malaspina di Caltanissetta a disposizione dell’A.G.

Print Friendly, PDF & Email