Bimba di 4 anni si perde a Crotone, ritrovata dai Carabinieri

Attimi di paura ieri mattina a Crotone, quando una pattuglia della Stazione Capoluogo transitando per via Regina Margherita ha avvistato una piccola bambina che vagava spaesata da sola su un marciapiede, rasentando la strada percorsa da autovetture. Immediatamente i militari fermavano la propria auto, avvicinavano la piccola e chiedevano alla stessa dove fossero i genitori, sincerandosi che non avesse graffi o ferite. La piccola, di 4 anni, era visibilmente spaventata e piangendo riusciva solo a comunicare il suo nome di battesimo, e di essersi trovata fino a qualche istante prima in un parco giochi con la nonna ed il fratellino. Veniva quindi contattata la Centrale Operativa del Comando Provinciale di Crotone, la quale a sua volta comunicava il ritrovamento della bimba alle sale operative delle altre Forze di Polizia presenti nel capoluogo, nel caso vi fossero state richieste telefoniche d’auto da parte dei genitori. Sul posto il Comando Compagnia inviava senza indugio il Comandante di Stazione unitamente a personale femminile dell’Arma, per cercare di tranquillizzare e mettere a proprio agio la piccola paffutella, la quale piano piano prendendo confidenza con i suoi nuovi amici in Uniforme cominciava a rasserenarsi. Dopo pochi minuti giungevano sul posto la nonna, comprensibilmente agitata ed il fratellino, e poco più tardi i genitori della bimba; in pratica mentre era al parco giochi con la nonna ed il fratellino, si era allontanata senza accorgersene e da quel momento aveva perso l’orientamento, vagando per alcune centinaia di metri. Alla fine, tra molti abbracci e qualche rimbrotto, tutto è finito bene: i Carabinieri hanno “estorto” una promessa ai genitori della piccola, ovvero quella di comprarle un bel gelato, affinchè potesse passare in fretta la paura provata; allo stesso tempo piccoli ed adulti venivano bonariamente richiamati ad una continua attenzione in relazione ai movimenti dei bimbi quando si è in spazi aperti. In ogni caso, come sempre, una chiamata al 112 può risolvere tanti problemi: per i cittadini in difficoltà, come pure per i bambini che possono essersi involontariamente allontanati dai genitori, ci saranno sempre degli amici in divisa pronti ad aiutarli.

Print Friendly, PDF & Email