Canicattì. Giro di vite: due arresti della polizia di stato

Canicattì (AG) – Non si è fatta attendere la risposta della Polizia di Stato agli episodi criminosi che nelle scorse settimane hanno flagellato la città di Canicattì.

Per liberare la comunità dalla morsa dei reati predatori, infatti, il Questore di Agrigento, Maurizio Auriemma, ha disposto un imponente dispiegamento di forze, predisponendo mirati servizi di controllo del territorio e di polizia giudiziaria, che hanno visto la partecipazione, non solo degli agenti del Commissariato di P.S. di Canicattì, ma anche di quelli della Sezione Antirapina della Squadra Mobile, i quali hanno setacciato palmo per palmo la cittadina e pattugliato gli obiettivi sensibili.

Nell’ambito di tali servizi, la sera del 31 marzo sono stati tratti in arresto T.M.C., cittadino rumeno, e G.S., cittadino italiano, entrambi residenti a Canicattì, rei di aver perpetrato un furto in abitazione, approfittando dell’assenza dei proprietari.

Oltre ad assicurare alla giustizia i due malviventi, gli agenti sono riusciti a recuperare l’intera refurtiva, costituita da denaro contante e gioielli, che sono stati prontamente restituiti agli aventi diritto.

Chiaramente l’impegno della Polizia di Stato per sradicare il fenomeno prosegue. Il dispositivo in atto verrà potenziato e saranno messi in campo diversi equipaggi del Reparto Prevenzione Crimine, che, insieme a quelli del Commissariato di P.S. e della Squadra Mobile, garantiranno una maggiore sicurezza dei cittadini.

Print Friendly, PDF & Email