Catania. Notte movimentata: Tre arresti per le volanti

CATANIA – Nella notte di ieri personale dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico – Squadra Volanti ha arrestato DI BELLA Natale (classe ‘95) per il reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacente, in concorso con persone rimaste ignote; sono stati, inoltre, arrestati i catanesi pregiudicati DI STEFANO Emanuele (classe ‘84) e MESSINA Domenico Alessandro (classe ‘83) per il reato di furto aggravato in concorso.
La scorsa notte, intorno alle 02.30, agenti delle Volanti, transitando per via Capo Passero, a seguito di un controllo nei pressi di un edificio, hanno notato un gruppo di persone: uno di loro, in particolare, era intento a cedere un involucro a un avventore. Intuita la consumazione del reato di spaccio di sostanze stupefacenti gli operatori di polizia sono intervenuti prontamente, ma alla vista degli agenti i giovani si sono allontanati in direzione dei palazzi vicini. Dopo un impegnativo inseguimento, gli agenti sono riusciti a bloccare il soggetto che poco prima aveva ceduto lo stupefacente e lo hanno identificato per DI BELLA Natale. Nella contingenza, hanno rinvenuto in terra, e quindi sequestrato, un sacchetto in plastica contenente 23 involucri di marijuana per un totale di gr. 26 e un rotolo in carta stagnola da utilizzare per il relativo confezionamento.
Alla luce di quanto sopra, il DI BELLA è stato pertanto arrestato e, su disposizione del P.M. di turno, è stato sottoposto alla misura degli arresti domiciliari, in attesa dell’udienza di convalida.
Sempre nella decorsa notte, intorno alle 6.20, agenti dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico, transitando per via Macaluso, nel quartiere di Picanello, hanno notato due giovani intenti ad armeggiare su di una Citroen C3 in sosta: uno dei due era già all’interno dell’abitacolo, mentre l’altro, avendo già aperto il cofano motore, stava manomettendo la centralina.
I due malviventi, alla vista della volante, hanno tentato di dileguarsi nascondendosi tra le auto in sosta, ma sono stati immediatamente bloccati dagli agenti operanti e identificati nel DI STEFANO e nel MESSINA, entrambi pregiudicati per numerosissimi reati contro il patrimonio. Gli agenti hanno poi accertato che l’autovettura era stata precedentemente rubata da altro luogo e poi spinta, con l’utilizzo di un’altra autovettura, sino in via Macaluso: una tecnica sovente utilizzata dai ladri d’autovetture.
Alla luce di quanto sopra DI STEFANO e MESSINA sono stati arrestati per il reato di furto aggravato in concorso e, su disposizione del P.M. di turno, sono stati sottoposti alla misura degli arresti domiciliari in attesa dell’udienza di convalida.

Print Friendly, PDF & Email