Comiso. Bimbo scomparso a scuola, la polizia lo ritrova dopo un’ora di ricerche serrate

COMISO – Paura nella tarda mattinata di oggi per una famiglia di Comiso che, per oltre un’ora, non ha avuto notizie del figlio. Tutto è iniziato quando, intorno alle ore 13, il papà di un bambino di 8 anni, di nome G. si è recato a scuola per riportarlo a casa al termine delle lezioni. Del bambino, però, non c’era traccia.
Il padre ha quindi chiesto ad una bidella, che sosteneva di averlo già visto uscire. A quel punto ha chiamato la moglie ed insieme hanno contattato alcuni parenti per capire se il piccolo fosse andato a casa loro in maniera autonoma. Anche in questo caso niente. I genitori hanno quindi raggiunto il commissariato di Comiso per denunciare alla polizia di stato la scomparsa del bambino, fornendone anche una descrizione dettagliata.
Inimmaginabile la paura provata dai due in quei terribili momenti. Nelle loro menti i tanti fatti di cronaca che si registrano quotidianamente in tutta Italia, oltre che la terribile vicenda che sconvolto, pochi mesi fa, la vicina comunità di Santa Croce Camerina.
Dell’accaduto sono stati informati anche, per una ricerca più capillare, le pattuglie di Vittoria e Ragusa, nonché i Carabinieri.
Alcuni uomini in servizio al commissariato di polizia di Comiso, nel frattempo, sono tornati a scuola ed hanno ascoltato il personale scolastico ed i docenti. Da questi ultimi hanno appreso che alcuni alunni, una parte provenienti anche dalla classe frequentata da G., Erano andati a pranzare insieme in vista del rientro pomeridiano. Al loro seguito, naturalmente, i docenti. Nonostante il bambino non fosse inserito nella lista degli allievi che dovevano pranzare insieme per poi tornare a scuola, gli agenti della polizia di stato hanno voluto controllare lo stesso.
Alle 14.20 il dramma per la famiglia comisana si era quindi concluso: il piccolo era proprio lì, con il resto degli allievi. È stato quindi immediatamente riconsegnato alla famiglia che ha ringraziato gli agenti per il loro celere ed attento intervento.

Print Friendly, PDF & Email