Comiso, individuato e denunciato un noto truffatore della zona

Ha raggirato anche un giovane padre bisognoso anche degli alimenti per il figlio appena nato

Comiso, 20 settembre 2014 – Perdere il lavoro è un problema sul piano economico, ma non solo, perché il lavoro è uno dei pilastri dell’identità personale.
Tra le varie cause la crisi economica.
Trovarsi senza lavoro rende inoltre più fragili gli esseri umani e, in certi casi, anche più ingenui, soprattutto quando si incontrano persone disoneste che, profittando dello “stato di bisogno” altrui, traggono lucrosi vantaggi, aggravando le condizioni economiche e psicologiche delle vittime.
I fatti della presente nota sono lo specchio dell’attuale situazione di crisi economica/lavorativa e hanno visto impiegati gli uomini della Polizia di Stato nel tentativo, riuscito, di individuare e consegnare alla giustizia un essere abietto che ha compiuto parecchie truffe di tal genere.
In particolare sono stati appurati cinque casi avvenuti in un breve periodo solo a carico dell’odierno denunciato, un uomo di Comiso di 59 anni, ma non si esclude che i truffati possano essere molti di più e che gli stessi non abbiano ancora contestato i fatti.

In aprile una donna di Comiso ha denunciato che la figlia, in attesa di occupazione verso la fine di novembre mentre si trovava a Comiso faceva conoscenza di un uomo, il quale sentendo che la ragazza lamentava la mancanza di lavoro, prontamente si rendeva disponibile per farle trovare un lavoro fisso e stabile con tanto di ingaggio.
Si riprometteva di farla assumere in un discount che era prossimo all’apertura ed inaugurazione a Vittoria
La ragazza entusiasta dell’offerta, quasi incredula, chiedeva al suo interlocutore cosa dovesse fare per poter essere assunta presso quel supermercato.
Lo stesso riferiva che servivano le fotocopie della Carta d’Identità e del codice fiscale e anche la somma di Euro 150,00 che a suo dire servivano per marche da bollo e quant’altro.
Lui, inoltre, assicurando la conoscenza del titolare di questo nuovo discount, le prometteva la sicura assunzione.
La ragazza come è facile immaginare tornando a casa  chiedeva alla famiglia la somma di Euro 150,00, convinta che presto avrebbe iniziato a lavorare, magari i primi di dicembre 2013, al supermercato in questione e, ingenuamente e in buona fede, avendo nel contempo anche scoperto che l’uomo conosciuto dalla figlia era un lontano parente,  i genitori davano alla ragazza i soldi per consegnarli al richiedente.
Dopo l’apertura del discount che era effettivamente  avvenuta a dicembre, nessuno aveva chiamato a lavorare la ragazza. Ovviamente la ragazza nessuna notizia ha più ricevuto, oltre a rimanere ancora disoccupata.

Altri  identici episodi sono stati denunciati alla Polizia di Stato a giugno quando altre tre donne in Commissariato segnalavano che  nel mese di maggio avevano saputo che c’era la possibilità di essere assunte presso un supermercato.
Le donne avevano appreso la notizia da un tale che avevano conosciuto per contatti di lavoro.
Interessate dalla situazione, le tre contattavano telefonicamente il presunto mediatore dimostrandosi interessate per il lavoro proposto; questi le invitava a raggiungerle la sera dello stesso giorno, fissando un appuntamento.
Quella sera l’uomo chiedeva la documentazione necessaria: il curriculum vitae; la copia della carta d’identità; del codice fiscale e € 100,00, per ogni persona.
Le donne parlando tra loro venivano a sapere anche che un’altra ragazza per la stessa situazione aveva consegnato 150 euro.
Dopo circa una settimana, il “mediatore” aveva richiesto una ulteriore somma di € 30.00 ad ognuna delle donne, a suo dire, occorrenti per l’acquisto delle divise e due foto tessera per il tesserino.

Altro fatto ricostruito dagli uomini della Polizia di Stato lo scorso 17 settembre quando, si presentava in Polizia un ragazzo il quale riconosceva che, come tante altre persone, era stato truffato anche lui  dallo stesso uomo nel mese di dicembre 2013.
In quella circostanza si era incontrato poco prima con la persona indagata, la quale gli aveva detto che era nella possibilità di inserire lavorativamente persone presso alcuni supermercati della zona. Pertanto aveva  provveduto a consegnargli la copia dei documenti utili per l’ammissione e la somma di 150,00 €.
Essendo al momento disperato per aver perso il lavoro l’uomo confidava nella situazione e il 24 dicembre sperava di aver ricevuto un vero regalo di Natale considerato anche il suo bisogno per la presenza di un bimbo appena nato in casa.
Già in quella occasione il truffatore garantiva che sarebbe stato assunto qualche giorno dopo, perché gli esercizi commerciali avevano urgente bisogno di personale durante le feste.
In data 28.12.2013 il delinquente, avendo capito il disperato bisogno del papà lo aveva contattato telefonicamente e gli aveva riferito che una banconota, ed esattamente la banconota da 100,00 €, che gli aveva dato il giorno 24.12. era falsa. Quindi lo invitava a riportargli altri 100,00 € senza però restituirgli la precedente.
Da quel momento si sono susseguiti solo messaggi telefonici nei quali il truffatore invitava l’uomo a pazientare, per giunta, riferendogli che mai avrebbe levato “il latte di bocca ad un bambino”
Ovviamente sino ad oggi nessuno di loro ha potuto essere assunto in nessuno degli ipermercati della zona

Print Friendly, PDF & Email