EBOLA. Paziente “zero” italiano ricoverato all’istituto Spallanzani: condizioni stabili

Medico italiano affetto da ebola ricoverato il 25 novembre presso l’istituto Spallanzani di Roma

Roma, 26 novembre 2014 – Il paziente è ancora con la febbre, alle ore 11,00, la temperatura corporea era 38,5°, le condizioni sono stabili, la pressione è normale.
Nel bollettino sanitario del paziente, che ha iniziato ieri il trattamento sperimentale, si legge che “non presenta nuovi sintomi caratteristici della malattia, in particolare non ha segni emorragici“.
Il farmaco utilizzato è stato ottenuto con una “procedura speciale per l’importazione dei farmaci non registrati. La stessa procedura continuerà a garantire l’approvvigionamento del farmaco fino al completamento del ciclo terapeutico“.
Il paziente è monitorato per la funzionalità cardiaca, epatica e renale per identificare precocemente la eventuale comparsa di effetti avversi al trattamento.
L’unità farmaci essenziali dell’Organizzazione Mondiale della Sanità ha fornito tutta lassistenza possibile  ha condiviso le scelte effettuate.
Al fine di garantire la maggiore tranquillità – rileva il Ministero della salute – degli operatori, nonché la sicurezza nella gestione del paziente, l’Istituto ha destinato una task-force di personale particolarmente esperto esclusivamente all’assistenza di questo malato“.

Print Friendly, PDF & Email