Giulianova. 2 rumeni arrestati per rapina

Giulianova, 11 novembre 2015 – Nella tarda serata di ieri i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della locale Compagnia hanno arrestato per rapina a mano armata, in concorso TIMISREANU RADU 33 enne rumeno senza fissa dimora; OVIDIU RADU 39 enne rumeno senza fissa dimora.

I due stranieri verso le ore 21,00 nelle immediate adiacenze della stazione ferroviaria aggredivano un giovane 20 enne che transitava tranquillamente a piedi e sotto la minaccia di un coltello si facevano consegnare il denaro in possesso, circa 60 euro, per poi fuggire attraverso il sottopassaggio. I Carabinieri del Nucleo, allertati telefonicamente dalla vittima, acquisite utili informazioni si ponevano sulle tracce dei rapinatori, che veniva individuati poco dopo per le vie del centro, forse alla ricerca di possibili ulteriori vittime. Condotti in caserma, venivano eseguiti i necessari riscontri, dai quali emergeva chiara la responsabilità dei due, inoltre a seguito di perquisizione si rinvenivano , sia i 60 euro, subito restituiti, sia il coltello utilizzato per la rapina. Al termine delle formalità di rito i due sono stati accompagnati in carcere in attesa dell’udienza di convalida.

Giova evidenziare che l’immediato intervento da parte dei Carabinieri è dovuto anche al fatto che da alcuni giorni i servizi  di pattugliamento della città, predisposti dal Capitano Domenico Calore sono stati ulteriormente intensificati e ciò per prevenire e per contrastare i frequenti raid notturni posti in essere da individui talvolta violenti e senza scrupoli.

Nella nottata appena trascorsa i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile capeggiati dal Maresciallo Paolo Gentile hanno inoltre sventato un furto presso un noto bar sito sulla Nazionale Adriatica di Giulianova. I militari, dopo aver assicurato alle patrie galere i rumeni sopra menzionati, non ancora paghi, sono tornati in strada e accortisi di alcuni movimenti  sospetti nel piazzale antistante l’esercizioi,  hanno deciso di intervenire per verificare cosa stesse accadendo. I tre individui, alla vista dei militari, si davano alla fuga, abbandonando sul posto  un fac-simile di piede di porco, venendo però immediatamente acciuffati ed identificati. Trattasi ancora una volta di un individuo rumeno A.R. 18 enne,  di una giovane donna  Rosetana C.I. 25 enne  e di un pluripregiudicato Giuliese A.M. 43 enne. L’arnese da utilizzare sicuramente per scardinare porte o finestre è stato sequestrato ed i tre individui, deferiti in stato di libertà per porto abusivo di oggetti atti allo scasso.

Print Friendly, PDF & Email