Ispica. Prodotti cinesi senza marchio CE sequestrati a Ispica, erano destinati al mercato

Giocattoli, accessori di elettronica e materiali per parrucchieri senza marchio Ce sono stati sequestrati dai Carabinieri in alcune attività commerciali di Ispica gestite da cittadini di nazionalità cinese

Denunciati dai Carabinieri due commercianti di nazionalità cinese

Ispica (RG),  10 novembre 2014 – Diversi articoli ritenuti pericolosi per la salute dei consumatori perché privi della certificazione “CE” e non rispondenti ai requisiti di sicurezza previsti dalla legge, sono stati sequestrati dai Carabinieri a Ispica.
I controlli, compiuti dai militari della Stazione di Ispica, hanno riguardato esercizi commerciali destinati alla distribuzione al dettaglio di accessori per l’abbigliamento, gestiti da cittadini cinesi.
I prodotti esposti alla vendita e sequestrati sono in prevalenza giocattoli per l’infanzia, casalinghi, abbigliamento e materiali per parrucchieri (piastre per capelli, phon, ecc), privi del marchio “CE”, pertanto, mancanti delle indicazioni obbligatorie relative alla sicurezza e qualità della merce, denominazione legale o merceologica del prodotto, marchio del produttore o dell’importatore stabilito nell’Unione Europea, quindi potenzialmente pericolosi. Oltre al sequestro della merce, ai trasgressori, due cittadini cinesi titolari di altrettante attività commerciali ad Ispica, sono state comminate sanzioni amministrative per alcune migliaia di euro.
Il marchio “CE” è obbligatorio in tutta Europa ed indica che l’articolo è in regola con la normativa vigente. Questo marchio, che certifica la piena osservanza delle norme in vigore, viene apposto soltanto direttamente dal fabbricante o da un ente certificatore, accreditato dal Ministero delle Attività Produttive.

Print Friendly, PDF & Email