Marina di Ragusa, aggredita una coppia di turisti per una lamentela

Coppia di turisti a Marina di Ragusa si lamentano per un panino imbottito con lattuga marcia e per tutta risposta titolare e dipendente aggrediscono l’uomo con calci e pugni. La Polizia di Stato ha concluso le indagini individuando gli autori della brutale aggressione denunciandoli.

Ragusa, 23 settembre 2014 – La Polizia di Stato, Squadra Mobile Sez. Reati Contro la Persona, ha concluso le indagini a carico del titolare V.G. ragusano di anni 47 di un bar-panineria ubicato a Piazza Malta a Marina di Ragusa e di un suo collaboratore F.A. ragusano di anni 44. Entrambi sono accusati di lesioni personali aggravate per aver colpito ripetutamente la vittima, un turista in compagnia della fidanzata.
Fine agosto una coppia di fidanzati siciliani si trovava Marina di Ragusa, quando per mangiare qualcosa ordinavano un panino in un locale di Piazza Malta. Ricevuto quanto ordinato la ragazza si accorgeva che la lattuga era praticamente marcia e lo faceva notare al banconista che lo riferiva al titolare. Quest’ultimo anziché provvedere a sostituire il panino iniziava ad aggredire verbalmente la donna che ovviamente veniva difesa dal fidanzato, il quale non gradiva gli insulti.
Diverse le parolacce ed in pochi istanti dalle parole ai fatti, il titolare colpiva con un pugno al volto il turista che cadeva a terra e poi continuava con calci. Diverse le persone che tentavano di aiutare la vittima che rimaneva a terra tenuta da uno dei collaboratori del titolare che nel contempo continuava a schiaffeggiarlo.
Dopo l’aggressione i due turisti si allontanavano per andar prima al pronto soccorso e poi negli uffici della Polizia di Stato per presentare formale querela.
Sono bastati pochi giorni per chiarire l’esatta dinamica dei fatti e permettere così di identificare gli autori del reato.
“La Polizia di Stato invita le vittime di reato a denunciare i fatti subiti, così da permettere il loro deferimento all’Autorità Giudiziaria che valuterà le responsabilità durante il processo penale”.

Print Friendly, PDF & Email