Maxi operazione antidroga. A pozzallo sequestrati 22 chilogrammi di eroina e cocaina

POZZALLO – I Finanzieri del Comando Provinciale di Ragusa, nell’ambito dell’esecuzione di un servizio d’Istituto volto al contrasto dei traffici illeciti, hanno tratto in arresto un soggetto maltese, che trasportava a bordo della propria auto 22 Kg. di droga.

In particolare, in data 28 giugno u.s., nel corso di mirati controlli su strada, effettuati lungo le vie d’accesso al porto di Pozzallo, i finanzieri della locale Tenenza hanno fermato e controllato un soggetto maltese, classe ‘68, a bordo di un veicolo con targa inglese, in procinto di raggiungere la banchina per l’imbarco sul catamarano “Jean de la Vallette” diretto a Malta.

Il conducente ha manifestato sin da subito segni evidenti di nervosismo, tremore delle mani e forte sudorazione, rispondendo alle richieste dei militari operanti in modo incerto ed evasivo e non fornendo motivazioni convincenti circa le ragioni del viaggio in Italia.

Tali circostanze hanno reso necessaria un’attività di controllo più approfondita, condotta con l’ausilio di due unità cinofile, che fiutando l’esterno e l’interno dell’autovettura hanno manifestato particolare interesse.

Il veicolo, pertanto, è stato scortato in caserma dove è stato accuratamente ispezionato e sottoposto allo smontaggio di alcune parti e, sotto i sedili posteriori, è stato rinvenuto un ingegnoso vano ricavato tra la carrozzeria e l’abitacolo, il cui accesso era possibile esclusivamente attraverso l’azionamento di un pulsante che permetteva di elevare la seduta posteriore con un sistema a sospensione idraulica.

All’interno del vano “doppiofondo”, sono stati rinvenuti 11 panetti di cocaina, già confezionati per un peso complessivo di Kg. 13 e 11 involucri di plastica, sempre sottovuoto, contenenti eroina, per complessivi Kg. 9.

L’intero quantitativo di droga è stato sottoposto a sequestro e il responsabile è stato tratto in arresto e tradotto presso la Casa Circondariale di Ragusa a disposizione dell’Autorità Giudiziaria iblea.

La sostanza stupefacente è stata inviata al laboratorio di analisi dell’ASP di Ragusa per stabilire la valenza del principio attivo. Si ritiene che il maxi carico di droga avrebbe potuto fruttare ricavi non inferiori a 5 milioni di euro.

L’ingente sequestro è uno dei più importanti mai operati in Provincia di Ragusa e testimonia il costante impegno delle Fiamme Gialle iblee nella lotta ai traffici illeciti ed, in particolare, al commercio di sostanze stupefacenti.

Print Friendly, PDF & Email