Messina, crisi idrica: intensificati i controlli per contrastare manovre speculative

Messina, 30 ottobre 2015 – Anche la Guardia di Finanza interviene a tutela dei cittadini nella delicata situazione dell’emergenza idrica che sta interessando, da alcuni giorni, la città di Messina e che sta provocando seri disagi alla popolazione dopo la rottura, sabato scorso, della condotta dell’acquedotto di Fiumefreddo a Calatabiano (CT), a causa di una frana. Il Comando Provinciale, in costante contatto con la locale Prefettura, ha predisposto un piano di interventi finalizzati a prevenire l’insorgere di possibili manovre speculative, riconducibili al fenomeno di rarefazione sul mercato di un bene prezioso e di prima necessità quale l’acqua. Le Fiamme Gialle hanno, dunque, intensificato l’attività di controllo su tutto il territorio comunale, con l’impiego di pattuglie del Gruppo di Messina, per accertare e reprimere eventuali situazioni di ingiustificato aumento del prezzo al dettaglio e all’ingrosso dell’acqua minerale presso gli esercizi commerciali, anche della grande distribuzione, ed i vari punti vendita della città. I controlli riguardano anche le imprese di trasporto acqua, per verificare il possesso delle previste autorizzazioni sanitarie e amministrative, col preciso fine di prevenire eventuali rischi alla salute pubblica connessi a carenze igienico-sanitarie.

Print Friendly, PDF & Email