Modena, esalazioni di vapori di ammoniaca anidra in un comprensorio produttivo del comune di Savignano sul Panaro

Modena 27 nov 2014 – Nel pomeriggio di lunedì 24 novembre, è scattato l’allarme per la segnalazione di esalazioni gassose di ammoniaca su un’area industriale piuttosto estesa del vignolese, nel comune di Savignano sul Panaro, occupata da alcune ditte di stoccaggio e conservazione di frutta, carne ed altri prodotti in frigoriferi industriali. Sul posto sono intervenute le squadre del comando di Modena, della sede centrale e dei distaccamenti, e il personale del nucleo NBCR (Nucleare Biologico Chimico Radiologico) del comando di Venezia.

Si sono verificate tutte le attività produttive della zona che utilizzano ammoniaca, mentre il monitoraggio dell’area industriale rilevava ormai una presenza significativa della sostanza chimica. I Vigili del Fuoco, con il supporto di una ditta specializzata, hanno anche effettuato un delicato intervento di di svuotamento, bonifica e messa in sicurezza di un circuito di ammoniaca e relativo serbatoio e impianto di compressione di un grande deposito di stoccaggio con celle frigorifere.

Nell’area oggetto dell’intervento, l’Agenzia Regionale per la Tutela dell’Ambiente ha effettuato campionamenti di aria e di terreno al fine di verificare la presenza di inquinanti e delimitare la zona di pericolo per la popolazione.

Su richiesta del prefetto, è stato istituito il C.O.C. (Centro Operativo Comunale) nella sede del comune di Savignano sul Panaro, dove sono state disposte e concordate tutte le misure per mantenere l’area in sicurezza, le informazioni da dare alla popolazione, la chiusura temporanea di un asilo nido vicino al luogo della perdita d’ammoniaca, la sospensione delle attività delle aziende presenti nella zona e la predisposizione di un monitoraggio dell’aria da parte dei tecnici ambientali e sanitari. Il comune ha inoltre allestito una struttura destinata ad ospitare eventuali sfollati.

Le operazioni di messa in sicurezza si sono concluse nella mattinata di mercoledì 26 novembre.

Print Friendly, PDF & Email