Multato ristoratore che serviva bevande alcoliche a minori

In una sola notte ritirate 9 patenti per abuso alcool e 4 per assunzione droga da CC in provincia di Cuneo. A Borgo San Dalmazzo ferroviere guidava la sua auto con tasso di alcolemia del 3,50%, 7 volte oltre i limiti.

CUNEO E PROVINCIA –

Col sopraggiungere della bella stagione sono stati notevolmente intensificati dai carabinieri in provincia di Cuneo i controlli su strada, non solo nei fine settimana ma tutti giorni, per prevenire e contrastare l’abuso di alcool o l’assunzione di droghe prima di mettersi alla guida.
Riguardo al consumo di bevande alcoliche particolare attenzione viene poi posta dai militari dell’Arma nel corso dei servizi per tutelare i minori e sanzionare gli esercenti che somministrano alcool ai minori.
In tal senso a CENTALLO, i carabinieri della locale Stazione, hanno accertato che il titolare di un ristorante-pizzeria della zona aveva somministrato bevande alcoliche, in particolare un cocktail a base di vodka, ad un ragazzo minore di anni 18. Nei confronti dell’esercente è scattata una sanzione amministrativa da 350,00 euro come prevede una legge del 2001. Qualora si tratti di minori di anni 16 a cui vengono somministrati alcolici si ricorda che la violazione è ben più grave ed ha valenza penale con la sanzione accessoria della sospensione dell’attività commerciale.

Nel corso dei servizi su strada sono stati significativi i risultati dell’azione di contrasto svolta dai militari dell’Arma cuneese che, nel solo volgere della nottata di mercoledì scorso, hanno denunciato all’Autorità Giudiziaria 9 automobilisti (3 a CUNEO, 2 ad ALBA, 2 a FOSSANO, 1 a BORGO SAN DALMAZZO ed 1 a SAVIGLIANO) per il reato di guida in stato di ebbrezza alcolica con l’immediato ritiro delle loro patenti ed in quattro casi anche il sequestro delle auto, mentre sono stati complessivamente 4 i conducenti di auto (2 ad ALBA, 1 a CUNEO ed 1 a BRA), tutti molto giovani e tre di loro neopatentati, denunciati per guida sotto l’influenza di sostanze stupefacenti, anche per loro ritiro della patente e sequestro del veicolo.
Le situazioni più gravi sono state riscontrate a CUNEO e BORGO SAN DALMAZZO:
in centro a Cuneo, di notte, dove un giovane manovale romeno guidava il proprio fuoristrada con un tasso di alcolemia pari al 2,30%, di quasi cinque volte oltre i limiti di legge, una situazione di oggettivo grave rischio per se e per gli altri utenti della strada;
altra situazione assai pericolosa quella che nella quale si sono imbattuti i carabinieri, di notte, a BORGO SAN DALMAZZO, dove ad un posto di controllo alla circolazione stradale un ferroviere 50enne di Cuneo è stato accertato che guidava la propria auto con un tasso di alcolemia pari al 3,50%, di sette volte quindi oltre i limiti di legge, un vero e proprio record in negativo.
In questi due casi, oltre al ritiro immediato della patente ed alla denuncia penale alla Procura della Repubblica di Cuneo a carico dei due automobilisti, è scattato anche il sequestro delle loro auto su cui è stata avviata la procedura di confisca, atto che prelude alla successiva perdita di possesso dei veicoli che saranno, in un secondo momento, venduti all’asta.

Print Friendly, PDF & Email