Nesima, chiedeva soldi per finto lavoro. Indagata

Il personale del Commissariato di Nesima, ha deferito all’A.G. tale V. A.M. classe ‘65 per il reato di truffa perpetrato in danno di due donne. Le indagini condotte a seguito della querela presentata dalle vittime hanno reso possibile ricostruire le maglie dell’inganno abilmente organizzato da V. A.M. la quale, prospettando un sicuro impiego lavorativo presso un supermercato, di cui era imminente l’apertura, aveva carpito la fiducia delle due malcapitate.

Previa consegna del loro curriculum vitae aveva, altresì, richiesto e percepito la somma di 106 Euro cadauna, dovuta a titolo di disbrigo della documentazione necessaria per la loro assunzione. Una volta intascato il denaro i contatti con la sedicente procacciatrice d’impiego si sono man mano resi difficoltosi fino ad interrompersi del tutto. Solo la determinazione e l’astuzia messe in atto dalle due donne, una volta intuita la patita truffa, hanno permesso di far cadere in errore la truffatrice.

E‘ accaduto, infatti, che le due vittime, sono riuscite in qualche modo a contattare la V.A.M. a farla ingolosire con la proposta di ulteriori curriculum vitae di loro conoscenti da presentare per l’assunzione, e a ottenere dalla stessa un appuntamento.

Da ciò sono scattati tutti gli accertamenti che hanno, infine, consentito di addivenire all’esatta identificazione dell’indagata e al suo deferimento all’A.G.

Print Friendly, PDF & Email