Noto. La Polizia denuncia un uomo ed affida alla madre un minore che aveva rubato un cellulare

NOTO – Agenti della Polizia di Stato, in servizio al Commissariato di P.S. di Noto, hanno denunciato F.A. (classe 1955), residente a Noto ed appartenente alla comunità dei “caminanti”, per i reato di atti persecutori, reiterate minacce gravi e porto di oggetti atti ad offendere.

Alle 14.30 di ieri, personale del Commissariato interveniva presso l’ospedale di Noto ove il denunciato, brandendo un coltello, minacciava il personale medico e paramedico pretendendo del cibo. L’uomo, non nuovo ad episodi del genere, da qualche tempo costringeva il personale delle pulizie dell’ospedale e gli operatori sanitari a subire la propria insistente presenza e le sue pressanti richieste, causando agli stessi un persistente stato di ansia. Il denunciato, infine, veniva diffidato dall’avvicinarsi alla struttura ospedaliera e dal perseverare in futuro in tali comportamenti.

Inoltre, Agenti del Commissariato di Noto impegnati nel servizio di controllo del territorio denominato “progetto Fiducia” sono intervenuti in un esercizio commerciale sito in corso Vittorio Emanuele ove, poco prima, un minore di nove anni si era impossessato di un costoso cellulare. Gli operatori, dopo avere svolto una breve indagine, recuperavano l’Iphone e, dopo le incombenze di rito, affidavano il minore alla madre diffidandola ufficialmente a vigilare con la dovuta responsabilità ed attenzione sulla condotta del figlio secondo la responsabilità genitoriale prevista dalla legge.

Print Friendly, PDF & Email