Operazione “Night Off”. In due si danno alla fuga, i carabinieri ne catturano uno

Lo scorso 7 luglio i militari del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Livorno, a conclusione dell’operazione denominata “Night Off”, fermarono tre cittadini Albanesi armati di pistole semiautomatiche che si preparavano a colpire una villa nella provincia labronica.

L’operazione aveva consentito di interrompere l’attività di una banda di albanesi dediti ai furti in abitazione, che si stavano preparando a colpire nuovamente, anche attraverso la disponibilità di armi rubate, poi recuperate dai Carabinieri.

A far scattare il blitz dei Carabinieri le dichiarazioni di uno dei malviventi che, nel corso di una conversazione con il complice affermava che non avrebbe esitato ad usare le armi per il successivo colpo al fine di convincere il proprietario ad aprire la cassaforte nel caso in cui avesse opposto resistenza.

Dopo l’udienza di convalida degli arresti il Gip aveva disposto la custodia in carcere per KACA Eduart cl.1987, mentre gli altri due SHESHI Blerim cl.1983 e BALLA Brendon cl.1995 furono messi ai domiciliari.

I carabinieri, non fidandosi del fatto che i due avrebbero rispettato l’obbligo di restare in casa, hanno cercato di monitorare saltuariamente la presenza nelle dimore assegnate dal giudice; ma la notte tra sabato e domenica scorsa i due sono dati alla fuga a bordo di una autovettura.

Proprio l’identificazione di questa autovettura, resa possibile dai dati acquisiti durante l’indagine, ha permesso agli uomini del nucleo investigativo di giungere sino a Roma nel quartiere di Tor Bella Monaca e li, coadiuvati dai colleghi della locale stazione Carabinieri, è scattato un altro blitz dentro un bar della borgata.

L’irruzione ha permesso di catturare solo il BALLA Brendon, mentre SHESHI Blerim risulta tutt’ora in fuga.

 

Print Friendly, PDF & Email