Palermo, abusivismo edilizio. Quattro immobili sequestrati

Palermo, 20 settembre 2014 – Dagli ulteriori interventi di controllo del territorio e dell’ambiente, sul versante dell’abusivismo edilizio, sono stati sequestrati 4 immobili e denunciati all’autorità giudiziaria  i  4 proprietari, perché sforniti di concessione edilizia e nulla osta del genio Civile.  I quattro immobili sequestrati dagli agenti del nucleo di Polizia urbanistico edilizia, sono rispettivamente ubicati in via Libero Grassi, in vicolo Colluzio a Croceverde Giardini, in Piazza Pallavicino ed in vicolo delle Ferrovie, a S. Lorenzo.
Il sequestro in via Libero Grassi,  è stato eseguito perché la proprietaria senza le dovute autorizzazioni, ha realizzato in un lotto di terreno, un manufatto di circa 100 metri quadrati, costituito da basamento in cemento, pareti perimetrali in pomice cemento e con la copertura del tetto costituita da travi in legno, annegate nel cordolo in cemento armato. Inoltre,  sul fronte del manufatto, è stata realizzata una struttura in travi di legno, ancorata al suolo mediante delle staffe metalliche, a sostegno del prolungamento della  copertura. Gli agenti durante il sopralluogo riscontravano le opere edili ancora allo stato grezzo. La proprietaria del manufatto è stata denunciata all’autorità giudiziaria.

In vicolo Colluzio, a Croceverde Giardini, in un lotto di terreno di circa 1200 metri quadrati, delimitato da un muro in cemento armato e muratura e ringhiera metallica, è stato realizzato un corpo di fabbrica elevato fino al primo piano, di circa 100 metri quadrati, con strutture in cemento armato e muratura. Il sopralluogo degli agenti ha accertato che il piano terra era stato definito ed abitato da persone, mentre il primo piano, accessibile da una scala interna in cemento armato, risultava allo stato grezzo, con le persiane impiantate e con i balconi pavimentati. Sul fronte principale, invece, è stata riscontrata una struttura portante di circa 35 metri quadrati, in cemento armato e copertura con assi e travi in legno.. Anche in questo caso, il proprietario, risultato sfornito di concessione edilizia e nulla osta del Genio Civile, è stato denunciato all’autorità giudiziaria.
Il terzo sequestro in Piazza Pallavicino,  dove in un immobile ad un piano, in muratura portante, sono stati accertati dei lavori edili in corso di realizzazione. In particolare, al  primo piano, è stato abbattuto un vecchio solaio di copertura per realizzarne un altro di circa 30 metri quadrati con tavelle e ferri a doppio T , con pilastri in cemento armato  ed aperture nella muratura portante. Inoltre, è stata edificata una nuova elevazione in cemento armato e muratura con una nuova copertura a falde, determinando di fatto un aumento della volumetria, mentre nel retro prospetto è stato realizzato un terrazzo di circa 20 metri quadrati.
Delle opere realizzate ed ancora allo stato grezzo, il proprietario non esibiva la concessione edilizia ed il nulla osta del Genio Civile e pertanto veniva denunciato all’autorità giudiziaria.

Per gli stessi motivi, è stato denunciato il proprietario dell’immobile sito in vicolo delle Ferrovie, a S. Lorenzo, perché su di un preesistente piano terra ha realizzato una sopraelevazione in legno e muratura di circa 30 metri quadrati, con la copertura in assi e travi in legno e materiale coibentato. Sul retro prospetto, inoltre, è stato realizzato un basamento in assi e travi in legno, predisposto per la costruzione di un balcone di piccole dimensioni.

Print Friendly, PDF & Email