Piazza Armerina. Operazione «Marijuana Park»: Debellata dalla Polizia di Stato attività di spaccio di sostanze stupefacenti

Enna, operazione «Marijuana Park»: debellata dalla Polizia di Stato una fiorente attività di spaccio di sostanze stupefacenti posta in essere all’interno della villa comunale di Piazza Armerina, nei pressi di scuole e siti di aggregazione giovanile; arrestati diversi giovani, alcuni dei quali all’epoca minorenni, ed effettuate numerose perquisizioni ad altrettanti indagati.

PIAZZA ARMERINA (EN) – Sin dalle prime luci dell’alba, la Polizia di Stato, in particolare la Squadra Mobile di Enna ed il Commissariato di P.S. di Piazza Armerina, a conclusione di articolata e complessa attività investigativa – coordinata brillantemente dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Enna e dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Caltanissetta – sta procedendo ad arrestare diversi giovani, alcuni dei quali all’epoca minorenni, in esecuzione di ordinanza di custodia cautelare, e ad effettuare delle perquisizioni delegate nei confronti sia degli arrestati che di numerosi altri giovani dimoranti a Piazza Armerina, tutti indagati per reati inerenti la detenzione e lo spaccio di sostanze stupefacenti.

Nel corso di indagini svolte dai poliziotti della Squadra Mobile e del Commissariato di P.S. di Piazza Armerina, si riusciva ad accertare come una ramificata ed attiva rete di soggetti, autoctoni ed extracomunitari – questi ultimi ospiti nelle diverse strutture ricettive per immigrati di Piazza Armerina – aveva individuato nel parco comunale “Villa Garibaldi” del centro armerino, l’area di “mercato all’aperto” per lo spaccio di sostanze stupefacenti del tipo marijuana ed hashish. L’indagine consentiva di individuare nel predetto parco pubblico – interamente monopolizzato per la gestione dell’illecita attività dai malviventi, che lo presidiavano quotidianamente – un basilare punto di riferimento per qualsiasi soggetto che voleva acquistare facilmente ed ad ogni ora dello stupefacente.

I P.M. titolari delle indagini, valutati gli esiti dell’attività investigativa – che ha portato, tra l’altro, a numerosi arresti, sequestri di sostanza stupefacente del tipo marijuana, e a contestazioni agli acquirenti per uso personale di stupefacenti – avanzavano presso i rispettivi G.I.P. richiesta di Ordinanza Applicativa della Custodia Cautelare, che quest’ultimi accoglievano, emettendo la misura cautelare in corso di esecuzione da parte dei poliziotti.

La cattura dei soggetti, nonché l’attività di perquisizione e notifica degli atti, è ancora in corso. L’operazione, particolarmente complessa, vede il coinvolgimento di circa un centinaio di poliziotti, fra cui, personale dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico e di altre articolazioni della Questura di Enna, dei Commissariati di Leonforte e Nicosia, della Polizia Scientifica di Enna, nonché del Reparto Prevenzione Crimine Sicilia Orientale e delle Unità Cinofile Antidroga della Questura di Catania.

Print Friendly, PDF & Email