Pistoia. Svolta nella vicenda dell’anziana deceduta a Pracchia la mattina del 23 ottobre scorso

Pistoia, 27 ottobre 2015 – La Procura di Pistoia, sulla scorta delle indagini coordinate dal Dott. Claudio Curreli e condotte dai militari della Stazione Carabinieri di Campo Tizzoro, ha emesso un provvedimento di fermo di indiziato di delitto, nei confronti di L.N., 61enne cittadina di origine rumena, badante di Cadria Cappelli, la signora deceduta e del coniuge, per maltrattamenti di persone affidate alla propria cura con l’aggravante che dal fatto è derivata la morte della vittima.
Le indagini erano state avviate dai militari una decina di giorni fa, sulla scorta delle dichiarazioni rese da una coppia di villeggianti che, occupando per un breve periodo un appartamento adiacente a quello della coppia di anziani, avevano in più occasioni udito grida e in qualche caso percepito visivamente dall’esterno atti e gesti compiuti dalla persona che accudiva la coppia, che potevano configurare il reato di maltrattamenti.
La Procura immediatamente attivata ha autorizzato l’esecuzione di una intercettazione ambientale, che eseguita nell’abitazione dell’anziana per qualche giorno della scorsa settimana fino al suo decesso, ha fornito preziosi elementi sulle modalità con le quali la badante si occupava dei due coniugi, i quali non essendo autosufficienti non potevano opporre alcuna resistenza alle vessazioni della donna, che avvenivano sia sotto forma di ripetute grida, minacce ed ingiurie sia verosimilmente mediante percosse. L’adozione del fermo è stata presa dopo la morte della novantenne, ma bisognerà aspettare gli esiti dell’autopsia e degli altri esami richiesti dalla Procura per avere ulteriori conferme che il decesso possa essere direttamente posto in relazione ai maltrattamenti o che questi siano da considerare una concausa della morte, cosa che l’esame esterno di rito effettuato subito dopo il decesso non aveva chiarito.
I militari della stazione Carabinieri di Campo Tizzoro, che hanno eseguito il provvedimento restrittivo nel pomeriggio di sabato, hanno sequestrato anche varie confezioni di medicinali fra cui sedativi che potrebbero essere stati somministrati in modo difforme dalle prescrizioni ai coniugi, allo scopo di poter garantirsi una maggiore libertà senza essere disturbata dalle due vittime. La donna, che dagli ultimi accertamenti svolti dai militari era in procinto di lasciare l’Italia per tornare nel suo paese, fatto questo che ha ulteriormente accelerato l’adozione del provvedimento restrittivo, è stata condotta presso il carcere di Sollicciano ove sarà interrogata nei prossimi giorni.

Print Friendly, PDF & Email